I siti più antichi del web che funzionano ancora

I siti più antichi del web che funzionano ancora

Nel web, di fronte alle continue ondate di cambiamento (pervenute o solo promesse), a dispetto di tutto c’è qualcosa che rimane: sono i siti più antichi, conservati uguali a se stessi e ancora funzionanti. Li si trova raccolti tutti in un altro sito, che si chiama 404PageFound.

Hanno superato quasi vent’anni di vita, forse anche di più. Hanno resistito alla bolla (scoppiata) della rete; all’11 settembre; alla famelica volontà di aggiornamento. Placidi, sono rimasti lì, e ancora vivono.

L’idea di 404PageFound è di Tim Katlic e non è nuova nemmeno quella: risale al 2009. Come spiega qui, “Ero affascinato dal Web 1.0, che è capriccioso, nel modo in cui erano fatti i siti: soprattutto a confronto di come sono oggi”. E comunque, “le cose non sono cambiate granché. Nel vecchio internet, come nel nuovo, le persone cercano sempre di farsi sentire”.

Ci sono vere e proprie perle: ad esempio questa Prima Conferenza Mondiale sul Web, che si è tenuta nel 1994.

Oppure questa Cyber Beach, creata nel 1996 e modificata pochissime volte. Proprio per mantenere vivo il suo carattere museale.

Purtroppo alle volte più che di un museo, si è di fronte a un cimitero. Dal 2009 al 2013 almeno 118 dei quasi 600 siti raccolti sono scomparsi. “È triste: qualcuno chiude un server, e il sito finisce offline. Con ogni probabilità non si sa nemmeno tutto quello che, negli anni, si è accumulato nel server. E sarà perso per sempre. Quello che voglio fare io è di documentarlo, il più possibile, prima che scompaia”.

Le newsletter de Linkiesta

X

Un altro formidabile modo di approfondire l’attualità politica, economica, culturale italiana e internazionale.

Iscriviti alle newsletter