Migliorare la connessione Internet con il laser

Migliorare la connessione Internet con il laser

L’ascesa di servizi Wi-Fi e di trasmissione dei dati cellulari ha reso la connessione Internet qualcosa di molto conveniente e potenzialmente onnipresente. Ora, anche alcune delle strutture che supportano i servizi Internet ad alta velocità stanno guardando alla connessione senza fili. Una tecnologia che utilizza connessioni radio e laser in parallelo per inviare dati attraverso l’aria a velocità elevata e fino a 10 chilometri di distanza sta effettuando i test finali in collaborazione con tre dei principali operatori Internet degli Stati Uniti. Questa tecnologia è anche sul punto di essere applicata da una società di telecomunicazioni in Messico, e sta contribuendo alla costruzione dell’infrastruttura Internet in Nigeria, un Paese che l’anno scorso è stato connesso ad un cavo sottomarino ad alta capacità.

AOptix, la società dietro questa tecnologia, la sta promuovendo come una soluzione più pratica ed economica rispetto alla installazione dei cavi a fibra ottica. Gli sforzi per gli scavi e l’interramento della fibra nelle aree urbane devono tener conto regolarmente di sfide burocratiche e fisiche. Nel frattempo, molte regioni rurali e diversi paesi in via di sviluppo mancano delle infrastrutture necessarie a supportare la fibra, spiega Chandra Pusarla, vice presidente senior dei prodotti e della tecnologia presso AOptix. Secondo lui, le torri di trasmissione wireless della società costituirebbero un sistema più veloce per installare nuova capacità e permettere di spostare dati a una velocità di due gigabit per secondo.

Pusarla dice che il servizio risulta particolarmente attraente per gli operatori wireless, i cui clienti mostrano un crescente appetito per il mobile data. Diversi operatori statunitensi stanno attualmente affrettandosi ad installare la fibra per sostituire i cavi in rame che continuano a connettere all’incirca la metà delle torri cellulari, ma gli sviluppi si sono finora rivelati costosi e lenti. Nei sobborghi di New York City, il costo per l’installazione di un solo chilometro di fibra può arrivare a 800mila dollari spiega Pusarla. La tecnologia della AOptix prende la forma di una scatola delle dimensioni di un tavolino da caffè con un laser infrarossi che fuoriesce da una piccola finestra posta di fronte, ed un trasmettitore direzionale radio a onde millimetriche posto al suo fianco. Le due tecnologie formano assieme un link wireless con una scatola identica posizionata a 10 chilometri di distanza. Connessioni simili sono facili da stabilire fra loro per creare un link di qualunque lunghezza.

La AOptix ha congiunto i link laser a quelli radio per compensare la debolezza delle rispettive tecnologie. I raggi laser vengono bloccati dalla nebbia, mentre i segnali a onde radio millimetriche vengono assorbiti dalla pioggia. Trasmettendo i dati simultaneamente attraverso questi due sistemi si ottiene una ridondanza che permette a un link AOptix di garantire una velocità di trasmissione pari a due gigabit per secondo e con appena 5 minuti di ritardo all’anno, a prescindere dalle condizioni climatiche, spiega Pusarla. Per via dei limiti della connessione tramite frequenza radio, una classica connessione con fibra ottica può arrivare a essere dieci o più volte superiore, ma la AOptix sostiene che la convenienza della sua tecnologia permette di ovviare a questa differenza, e precisa che in futuro potrebbe raggiungere quattro o più gigabit di velocità.

Le attrezzature laser e radio all’interno di un dispositivo AOptix si muovono automaticamente per compensare l’ondeggiare delle torri cellulari a causa del vento. Originariamente, la società aveva sviluppato la propria tecnologia laser per il Pentagono, sviluppando sistemi capaci di manovrare i raggi laser al fine di mantenere la trasmissione di dati in movimento fra le stazioni di controllo, i droni e i caccia da combattimento.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta