Regole di bon ton per viaggiare in metropolitana

Regole di bon ton per viaggiare in metropolitana

La buona educazione è come la patente quando si guida: bisogna sempre averla con sé. Va da sé, soprattutto in spazi ristretti, dove si deve stare a contatto con altre persone e interagire con gli estranei. Per questo motivo questo video sull’etichetta da metropolitana suona (o dovrebbe suonare) come ridondante: sono cose che tutte le persone che hanno un minimo di educazione sanno e fanno già.

In ogni caso, repetita iuvant: non si devono usare i pali per ballare (a parte Metroman, che lo fa per lavoro), bisogna lasciare il posto a disabili/donne/bambini/anziani, non si deve mangiare cibo puzzolente (no alle patatine fritte, ad esempio), bisogna mantenere sempre una postura corretta. È quello che viene raccontato in questo video, che fa parte di una campagna della Metropolitana di New York per sensibilizzare la buona educazione sui mezzi pubblici. Quello che si deve fare è mostrato dall’omino in verde, quello che non si deve fare dall’omino in rosso. A prova di scemo.

 https://www.youtube.com/embed/pzrqpZaW2aA/?rel=0&enablejsapi=1&autoplay=0&hl=it-IT 

Tutti d’accordo, come è ovvio. Ma, aggiungiamo noi, ci sono altre regole essenziali che nel filmato vengono trascurate. Ad esempio, lasciar sempre uscire prima gli altri, e poi salire; oppure non ascoltare musica senza auricolari, e non parlare a voce troppo alta al telefono. Infine, fare sempre una doccia prima di salire. Anche se le fermate da fare sono poche.