Votate Seggio Mattarella, il finto profilo su Twitter

Votate Seggio Mattarella, il finto profilo su Twitter

Non ha rilasciato dichiarazioni alla stampa dal 2008, ma comincia a twittare prima ancora di essere eletto presidente della Repubblica. È Sergio Mattarella, anzi: Seggio, dal momento che non di lui si parla, ma del suo profilo fake ufficiale su Twitter.

È un mattarellone imprevedibile: si frega le mani per salire sul Colle, fa battute in tema, promette un apericena per mille e più persone alle Scuderie del Quirinale. Ma il suo primo tweet è quello più significativo:

Nel solco della tradizione di Napolitano, anche lui lancia moniti:

E pensa a soluzioni innovative per il suo mandato:

Ne ha per tutte: per Mentana, che tira fuori la storia dei 101, ne ha per le manovre notturne di Matteo Renzi, ne ha anche per Laura Boldrini, per la quale condivide con LinkPop un grande e platonico amore, nato dalla sensualità con cui legge i nomi delle schede:

Qui c’è un esempio, per i fan del conduttore de I Fatti Vostri:

 https://www.youtube.com/embed/4KkhnxGPyik/?rel=0&enablejsapi=1&autoplay=0&hl=it-IT 

Alla fine, tra il Mattarella vero e quello finto la spunterà quello vero. Ma in un Paese del tutto capovolto, in cui Magalli riesce a diventare una cosa seria (e a pensare di esserlo) non sorprenderebbe poi così tanto se anche Seggio si prendesse qualche voto. E neppure se arrivasse al Colle. E tutto sommato, farebbe ridere un po’ tutti.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta