L’algoritmo definitivo per capire sempre dov’è Wally

L’algoritmo definitivo per capire sempre dov’è Wally

Se uno dei vostri sogni (ma noi speriamo che non sia così) sia diventare un campione a trovare Wally, il simpatico personaggio disegnato in mezzo a tante persone, esiste una soluzione matematica. Randy Olson, uno studente di dottorato della Michigan State University, rimasto a casa a causa di una tempesta di neve, ha deciso di mettere alla prova la strategia decisa da Slate per trovare Wally, considerata fino ad allora, la migliore. Ci immaginiamo il divertimento.

Olson ha mappato tutte le posizioni di Wally nei 68 libri editi dal suo autore, Martin Handford, dal 1987. Attraverso un processo statistico, ha misurato le probabilità della presenza di Wally in particolari zone dei quadri. Ci sono aree in cui Wally non appare proprio: gli angoli in alto a sinistra e in basso a destra.

Poi, sulla base di questi dati, ha creato un algoritmo che trovi, con un procedimento di selezione naturale, fio ad arrivare a costruire un percorso ideale. È questo:

A guardarlo bene, sembra molto più difficile la soluzione rispetto al problema.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta