Jon Snow a cena a New York (e un errore da trovare)

Jon Snow a cena a New York (e un errore da trovare)

Game of Thrones is coming, ormai è quasi fatta. L’attesa dei fan per l’inizio della quinta stagione della serie tv basata sul romanzo di George R.R. Martin finirà infatti lunedì prossimo, 12 aprile, quando la HBO manderà in onda la prima puntata della nuova stagione.

Intanto in rete e nelle televisioni statunitensi fioccano contenuti che parlano di Westeros, dalla strepitosa infografica di tutti i morti (e sono proprio tanti) di Game of Thrones, fino all’esilarante sketch organizzato da Seth Meyer durante l’ultimo Late Night with Seth Meyers, in cui, con la collaborazione di Kit Harington, aka Jon Snow, ha messo in piedi una cena un po’ particolare.

La scena dura cinque minuti e, se capite l’inglese e vi appassiona la pronuncia del Nord Westeros — qualcosa di simile allo scozzese —, è veramente piena di chicche. La performance di Kit Harington-Jon Snow è geniale e fa molto ridere, ma c’è un unico ma, che i fan più accaniti non potranno non notare: c’è infatti un errore bello grosso tra le pieghe del discorso di Jon. Ma non vi diciamo qual è, trovatelo da soli.

 https://www.youtube.com/embed/BabsgCQhpu4/?rel=0&enablejsapi=1&autoplay=0&hl=it-IT 

Che abbiate o meno trovato l’errore nel discorso di Jon Snow, date un occhio anche all’infografica interattiva realizzata dal Washington Post, che merita veramente per precisione e cura (cliccate sull’immagine per andare alla fonte):

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta