Sii disordinato e avrai idee geniali, lo dice la scienza

Sii disordinato e avrai idee geniali, lo dice la scienza

Come recitano diverse magliette, bisogna avere il caos dentro di sé per generare una stella danzante. La citazione, vabbe’, è nicciana, il libro è Così parlò Zarathustra e questo lo sanno tutti. Quello che non tutti sanno, però, è che è tutto vero. Almeno, secondo una ricerca condotta da Kathleen Vohs della Carlson School of Management, dell’Università del Minnesota, il disordine aiuta la creatività.

Lo studio ha considerato 188 persone, che vivono e lavorano in ambienti più o meno disordinati. Alla fine, chi aveva stanze o scrivanie disordinate, trovava le idee più fantasiose e interessanti. Gli altri no. Lo scrive la stessa Vohs sul New York Times: «Mettere tutto in ordine ha ovvi benefici. Però un ambiente troppo ordinato può bloccare l’ispirazione». È un cliché che diventa realtà, una verità comune che si realizza, una convinzione che ottiene il bollino della scienza. Per chi fosse interessato alla ricerca, la può trovare qui.

Del resto, lo diceva anche Albert Einstein, che si contende il record di citazioni a caso insieme al succitato Nietzsche, che «se una scrivania incasinata è il segno di una mente incasinata, cosa dobbiamo pensare di una scrivania vuota?»

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta