Suoni dal passato: la voce (e le immagini) di Sigmund Freud

Suoni dal passato: la voce (e le immagini) di Sigmund Freud

In quanti conoscono la voce di Sigmund Freud? Forse non tutti lo sanno, ma la voce del padre della psicanalisi è stata registrata, ed è arrivata fino a ora. In un messaggio per la Bbc, del 1938, si può sentire Freud parlare – un po’ anziano, un po’ acciaccato, ma vivo:

 https://www.youtube.com/embed/5jJ6Lhk1pNg/?rel=0&enablejsapi=1&autoplay=0&hl=it-IT 

Che dice? Più o meno questo: “Ho cominciato la mia attività professionale come neurologo, nel tentativo di portare sollievo ai miei pazienti affetti da disturbi nevrotici. Influenzat da un vecchio amico e mettendoci tutti i miei sforzi, ho scoperto alcuni fatti importanti sull’inconscio nella vita della psiche, sul ruolo delle pulsioni istintive e così via. Da queste scoperte è nata una nuova scienza, la psicanalisi, cioè una branca della psicologia, e un nuovo metodo per trattare le nevrosi. Ma questa fortuna che ho avuto, ho dovuto pagarla cara: in pochi credevano alle mie teorie, le trovavano disgustose. C’è stata una resistenza forte e dura da piegare. Ma alla fine sono riuscito a trovare dei discepoli e creare l’Associazione internazionale di psicanalisi. La battaglia, però, non è finita.

Ma c’è dell’altro: esiste anche un video in cui si riprende un attimo della vita di Freud. È del 1932 e lui, già vecchio, passa dei momenti all’aria aperta con un amico e il suo cane. I due non sapevano di essere ripresi, anche perché Freud odiava le fotografie:

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta