Criminalità e media“Danneggia l’immagine della Calabria“, i sindaci della locride contro la programmazione di “Anime nere” su Sky

I primi cittadini di Locri, Staiti e Sant’Agata del Bianco hanno annunciato azioni legali contro Sky per la decisione di voler trasmettere il film di Francesco Munzi che racconta la ‘ndrangheta calabrese

Quello che accade al Sud, in questo caso in Calabria, ha spesso qualcosa di molto vicino al teatro dell’assurdo. Più o meno un anno fa, alla settantunesima Mostra Internazionale del Cinema di Venezia, il film di Francesco Munzi Anime Nere, tratto dall’omonimo romanzo di Gioacchino Criaco, è stato scelto nella rosa dei quattro film italiani in concorso. Dopo di che è sbarcato al Toronto Film Festival, ha fatto incetta di premi a destra e a sinistra (tra cui 9 David di Donatello), è stato tradotto il 19 Paesi, accolto da una plaudente stampa internazionale.

Il libro è stato addirittura pubblicato nel 2008, dalla calabrese Rubbettino. Ma ora, in seguito alla decisione di Sky di inserire il film di Munzi a rotazione nella propria programmazione, alcuni sindaci della locride (in cui è ambientata la storia) hanno ritenuto inaccettabile questa decisione che, a loro dire, danneggia gravemente l’immagine di un’intera regione.

Anime nere, per chi non lo sapesse, racconta la ’ndrangheta calabrese senza retorica né sconti ad alcuno. E lo fa dall’interno di una famiglia malavitosa, mettendo in risalto le tragiche dinamiche parentali. Intervistati da Klaus Davi, tre sindaci della locride hanno fatto sapere di non aver gradito la decisione di Sky. A oltre un anno dall’uscita del film, a oltre sette da quella del libro. La potenza del piccolo schermo?

Intervistati da Klaus Davi, tre sindaci della locride hanno fatto sapere di non aver gradito la decisione di Sky. A oltre un anno dall’uscita del film, a oltre sette da quella del libro. La potenza del piccolo schermo?

Nell’intervista, apre le danze il primo cittadino di Locri, Giovanni Calabrese, visibilmente piccato. Di Anime nere parla come di «un servizio pessimo alla Calabria e ai calabresi, perché descrive una situazione fuori dalla realtà, creando un danno d’immagine a un’intera regione. Questo film descrive situazioni di degrado morale oggi non più reali. Non sto dicendo che la mafia non esiste, ma queste descrizioni ci rendono ancora più difficile uscire dalla nostra situazione». Gli fa eco il sindaco del microscopico comune di Staiti, Antonio Domenico Principato, che afferma: «Gli uomini della malavita organizzata sono una sparuta minoranza, il film dà un’immagine troppo nera della Calabria. Io faccio il sindaco da tre anni e non ho mai avuto nessun problema. Inoltre i pastori non sono quelli descritti nel film, che tengono le capre allo stato brado, ma lavorano anche con tecnologie avanzate. Non escludiamo una diffida nei confronti di Sky».

Più pacato invece Giuseppe Strangio, sindaco di Sant’Agata del Bianco e presidente dell’Associazione dei Comuni della locride: «Già il libro mi era sembrato molto greve come denuncia sociale, il film lascia parecchio sgomenti per la durezza delle immagini. Andare in giro e sentirsi etichettati come ‘ndranghetisti, criminali e trafficanti di droga non è una bella cosa. Sky dovrebbe mandare anche altri messaggi, dando voce a tutte le nostre attività legate alla legalità per esempio. Il rischio è che si cada nel banale, riducendo la Calabria a solo quello che si vede nel film».

Carlo Freccero: “Affermare che Anime nere non debba essere programmato perché lede l’immagine della Calabria è assolutamente sbagliato. Guardiamo agli Stati Uniti, dove ormai il pensiero critico passa soprattutto attraverso fiction e cinema. Serie tv come Breaking Bad e House of cards rappresentano una presa di coscienza collettiva su fenomeni importanti”

Il film intanto è il primo – e su questo la Calabria è incredibilmente in ritardo – a parlare apertamente della ‘ndrangheta. Criaco, che ora in giro per promuovere il nuovo libro Il saltozoppo (Feltrinelli), narra la criminalità organizzata calabrese con la perizia del sociologo, la saggezza dell’antropologo e i toni del poeta tragico, cercando di scovare sempre le origini di quel male.

Come ha ribattuto Carlo Freccero, esperto di tv e comunicazione (e dall’estate scorsa consigliere d’amministrazione Rai) durante la conferenza su tv e informazione organizzata nell’ambito del “Tropea Festival Leggere & Scrivere”, «affermare che Anime nere non debba essere programmato perché lede l’immagine della Calabria è assolutamente sbagliato. Guardiamo agli Stati Uniti, dove ormai il pensiero critico passa soprattutto attraverso fiction e cinema. Serie tv come Breaking Bad e House of cards rappresentano una presa di coscienza collettiva su fenomeni importanti. Allo stesso modo in Italia, la serie tv La Piovra, negli anni Ottanta e Novanta ha consentito agli italiani di comprendere cosa fosse la mafia più di quanto abbiano fatto le inchieste giudiziarie».

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta
Paper

Linkiesta Paper Estate 2020