Vai sicuro: le migliori pubblicità di preservativi

Le ha raccolte Slate in un video di ben sei minuti. Esprimono tutta la creatività dei pubblicitari del mondo alle prese con un tema promettente ma pericoloso

Ci sono quelle che trasformano i teletubbies in preservativi. Quelle che scherzano sulla resistenza del materiale (e c’è un Brian Durex che si chiude la portiera addosso, senza farsi male). Quelle che giocano sui tradimenti, sull’impiegato licenziato perché ha trasmesso la clamidia alla datrice di lavoro, sul fatto che i bambini sono un problema, sulla difficoltà di chiudere gli ombrelli (questa è creativa, e merita).

Sono le pubblicità per i profilattici, condom, preservativi, raccolte in sei lunghi minuti da Slate. Giochi e idee sono (ovvio) a sfondo erotico, alcune non alla portata del pubblico di tutte le età (tenere lontani i bambini, ma ci pensa il video stesso ad avvertirli), altre piuttosto divertenti. Sembra che i pubblicitari, quando si tratta di certi argomenti, si divertano di più e abbiano idee più creative.

Rimane un dato: la stragrande maggioranza delle pubblicità riguarda preservativi per uomo. Quelli per donna, invece, non vengono nemmeno considerati. Non si può parlare di sessismo del singolo pubblicitario, quanto di un’intera categoria di prodotti. Chissà perché, ci sono ancora molti tabù da affrontare.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta