Il batterio che mangia la plastica ci salverà dall’inquinamento

Un team di scienziati giapponesi ha effettuato la scoperta. Ora il pericolo della plastica di troppo non fa più così tanta paura

Ci eravamo tanto preoccupati per l’ambiente, quando poi la soluzione era semplicissima. Un batterio ci salverà. Da cosa? Dalla sovrapproduzione di plastica, materia comodissima ma che, dal momento che non è biodegradabile, costituisce un problema grave per l’inquinamento. La plastica abbandonata è dappertutto: esistono isole di plastica nell’Oceano, discariche di plastica sulla terra. Gli animali restano intrappolati, a volte intossicati, l’ambiente avvelenato. Insomma: un disastro.

È tanto grave che in Canada, a Montréal, stanno perfino pensando di mettere al bando le bottiglie di plastica stesse.

E invece, adesso, gli scienziati giapponesi ci hanno cavato d’impiccio scoprendo un batterio speciale in grado di disintegrare il polietiene tereftalato (più noto come Pet). È il tipo usato per l’imballagio di bottiglie cosmetici e detergenti della casa. Non lo dice LinkPop, lo dice Science, in un articolo pubblicato l’11 marzo.

Il batterio si chiama “Ideonella sakaiensis” si serve di due enzimi particolari. Il suo meccanismo è complesso da spiegare (e per quello si rimanda a Science), ma basta dire che sarà (almeno, si spera) risolutiva. Almeno un terzo degli imballaggi di plastica sfugge a ogni forma di raccolta e si disperde nell’ambiente, rovinando natura e paesaggi umani. Ora, forse, qualcosa si risolverà – si spera prima che gli oceani contengano più plastica che pesci (accadrà, secondo una ricerca, nel 2050).

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta