Donald Trump, le donne e gli americani che non fanno sesso

Secondo un recente studio, le adolescenti sessualmente attive sono calate del 10% in trent'anni. La fine del maschio alfa repubblicano?

  

In un articolo apparso sul New York Times, cinquanta donne americane hanno raccontato il loro rapporto con Donald Trump: avances non richieste, molestie verbali e prepotenza di genere. C’è chi dice sia l’impronta del padre Fred, per altri è solo l’ennesimo ritratto di un uomo che ha fatto della sua immagine da palazzinaro playboy la copertina della propria campagna elettorale. Una virilità sopra le righe che ha conquistato gli elettori del Grand Old Party e, forse, rilancerà la libido dei propri connazionali alle prese con una mancanza di desiderio senza precedenti. Secondo un recente studio, la percentuale di adolescenti femmine sessualmente attive è calata di quasi il 10% in circa 30 anni (un dato che aumenta fra le comunità ispaniche e afroamericane solitamente più attive). Non è un caso, quindi, che ai protagonisti degli anni ’10, i Millennial, siano attribuiti in media otto partener sessuali nell’arco di un’intera vita e un numero non calcolabile di rapporti occasionali (il 45% ammette di aver “dormito” con altre persone) che si porta dietro un maggiore uso dei contraccettivi. Insomma, a essere a rischio non è solo il programma di Teen Mom ma pure l’immagine di maschio alfa, wasp, repubblicano che Trump incarna.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta