Dovevano scendere e invece salgono: lo strano caso dell‘euro e dello yen

Da inizio anno abbiamo visto affermarsi sulle valute alcuni trend molto forti, come il deprezzamento della sterlina e del dollaro e l’apprezzamento dell’euro e dello yen. La direzione di questi movimenti è contraria a quanto previsto dalla teoria economica. Ma le ragioni, ovviamente, ci sono

Euro e yen forti, sterlina britannica e dollaro deboli: è il trend che si è affermato dall’inizio dell’anno e che ha una caratteristica: la direzione di questi movimenti e contraria a quanto previsto dalla teoria economica.

Quando si abbassano gli interessi e le aspettative sugli interessi futuri sono sempre più basse, dovrebbero succedere alcune cose: i rendimenti si dovrebbero abbassare. A quel punto, gli investitori dovrebbero preferire altre valute. Con meno domanda da parte degli investitori, la valuta con i rendimenti più bassi dovrebbe deprezzarsi. Per questo, dato che sia la Bce che la Bank of Japan hanno abbassato i rendimenti, ci si aspettava che sarebbero stati deboli. È successo il contrario. Perché? Nel Regno Unito c’entra la prospettiva della Brexit. Negli Usa, invece, c’entra l’abbassamento dei tassi reali: i tassi nominali sono sempre più bassi e l’inflazione attesa sempre più alta. Proprio l’opposto di quel che accade in Giappone.

Continua a leggere su MoneyFarm

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta