Questi erano i suoni e i rumori della Parigi di trecento anni fa

Un’équipe di studiosi ha ricreato in laboratorio il panorama sonoro del XVIII secolo, ricostruendo un mondo perduto. Nota bene: era comunque un grande baccano

Ora lo si può dimostrare: nel 18esimo secolo a Parigi c’era un gran baccano. Non che adesso sia meglio, ma anche in passato i rumori e i suoni della capitale francese erano elevati. La scoperta, cioè la ricostruzione, è opera di Myléne Pardoen, musicologa che, con l’aiuto di scienziati ed esperti di varie discipline (storia, sociologia, rappresentazione 3d) ha ridato vita all’ambiente sonoro della zona di Grand Châtelet del 1739.

Perché proprio lì? È un’area rappresentativa delle sonorità del periodo: c’erano i mercanti, gli artigiani, i passanti. Perché proprio quell’anno? Luigi XIV aveva chiesto una nuova mappatura della città, che fu molto dettagliata (ed è tutt’oggi utilizzata per ricostruire la storia architettonica della città). E allora come suonava, tanti anni fa, una giornata a Parigi? Più o meno così:

 https://www.youtube.com/embed/YP__1eHeyo4/?rel=0&enablejsapi=1&autoplay=0&hl=it-IT 

L’avvertenza è fondamentale: alcuni potrebbero pensare che i suoni siano stati ricreati al computer. Non è così, si premurano di sottolineare i ricercatori. Solo il suono della pompa di Notre Dame lo è: ma – rassicurano – anche quello è basato sul suono di una pompa reale.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta