Troppo cibo nella spazzatura, ecco i supermercati che cambiano rotta

Il Consumer Goods Forum ha pubblicato una raccolta di case study di aziende che si sono impegnate a ridurre le perdite e gli sprechi alimentari: da Barilla a Unilever, ecco i loro piani

David Silverman/Getty Images

Il Consumer Goods Forum (Cgf) ha pubblicato il primo “Food Waste Booklet”, una raccolta di esempi su come le grandi aziende del largo consumo mondiale che fanno parte dell’organizzazione hanno ridotto le perdite e gli sprechi alimentari. Il “Food Waste Booklet” è uno strumento per condividere le buone pratiche e vuole servire da guida e ispirazione alle aziende che vogliono accelerare la valutazione e la riduzione degli sprechi (tra i nomi più noti ci sono quelli di Barilla, Carrefour, Tesco, Unilever, Kellog’s, Nestlé, Walmart, ndr).

Le perdite e gli sprechi alimentari rappresentano un enorme problema ambientale, sociale ed economico e, probabilmente, una delle maggiori sfide globali del nostro tempo: serve la collaborazione di tutti. (…)

Continua a leggere su Tendenze Online

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta
Paper

Linkiesta Paper Estate 2020