Trump e il protezionismo, è ora di vendere i titoli sui mercati emergenti

Sono ancora tutti da capire gli effetti che potrà avere la nuova politica protezionistica annunciata da Donald Trump. Probabilmente saranno positivi nel breve e negativi nel lungo. Ma per le economie emergenti prevale la sfiducia

Dunque, Donald Trump è diventato ufficialmente il 45esimo presidente degli Stati Uniti e assieme a lui va al potere la sua visione protezionistica dell’economia. Gli Stati Uniti sono già un Paese relativamente chiuso, rispetto a quelli europei, ma gli effetti di una restrizione sulle politiche di libero scambio potrebbero essere dirompenti anche Oltreoceano. Ma in che direzione? Nessuno può dirlo con certezza, ma annotiamoci la previsione di Morgan Stanley: l’istituzione di una tariffa commerciale porterebbe ad un generale aumento della crescita nel breve termine per gli Usa, per poi crollare drasticamente nel lungo. Le conseguenze potrebbero appartenere a due opposti scenari, ma in questo clima di incertezza la vendita di titoli sui mercati emergenti potrebbe costituire una buona occasione per gli investitori nel lungo termine.

Continua a leggere su MoneyFarm

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta