La musica classica apre le porte agli strumenti stampati in 3d

Si chiama 3Dvarius ed è il primo violino realizzato interamente da una stampante 3d. Il suo creatore è Laurent Bernadac e l'obiettivo è quello di aiutare i musicisti a creare nuovi suoni e nuove tecniche interpretative

Non solo gli esperti di musica, tutti conoscono la fama dei violini Stradivarius. Ma quanti invece conoscono il 3Dvarius? Si tratta di un vero e proprio strumento ad arco, ma realizzato grazie ad una stampante 3d. Il creatore del progetto è il violinista Laurent Bernadac e l’idea risale al 2012, ma il primo vero 3Dvarius è del 2016.

Alcuni tra i più esperti critici musicali sono negativi riguardo l’invenzione perché ritengono che lo strumento non possa essere in grado di produrre un suono paragonabile a quello del classico violino in legno; per altri, invece, strumenti così “informatici” potrebbero dilatare le frontiere della creatività musicale. Questa è sicuramente la speranza di Laurent Bernadac, che ha creato il suo 3Dvarius con l’obiettivo di aiutare i violinisti a creare nuovi suoni, nuove tecniche interpretative e un nuovo repertorio musicale.

Al momento, sono circa un centinaio gli esemplari di questo strumento ad essere stati venduti, a circa 7000 euro al pezzo. Ora Bernadac punta al mercato americano.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta