Trump inciampa sulle riforme, la pazienza dei mercati vacilla

L'economia americana corre ma ci sono anche segnali di nervosismo. A causa dei ritardi delle riforme promesse, dalla sanità al fisco, le imprese cominciano a rimandare i propri piani di investimento. Una vera e propria grana per l'inquilino della Casa Bianca

Vista da fuori l’economia statunitense sembrerebbe essere in ottima salute: i valori di borsa sono alti e alcuni indicatori ‘core’ sono positivi, come la disoccupazione, la fiducia dei consumatori e l’inflazione, attestata su livelli ottimali. Ci sono però altri segnali che vanno in direzione opposta. I prestiti sono andati a picco nel primo periodo del 2017 e, di solito, meno prestiti si traducono in meno Pil.

Questo dato in parte potrebbe essere un effetto dell’aumento dei tassi da parte della Fed, ma esiste un’altra interessante teoria: le promesse fiscali di Trump potrebbero stare incoraggiando le imprese a rimandare i propri piani di investimento per non perdere il vantaggio fiscale. Intanto i mercati stanno iniziando a rendersi conto che le promesse di Trump non sono così facilmente realizzabili: vale sia per la riforma sanitaria, ma anche per quella fiscale.

Se l’America rallenta anche il mondo rallenta. Per questo sarà importante valutare con attenzione come si andrà a comporre nei prossimi mesi questa discrepanza tra il sentimento degli Americani e dati economici che mostrano qualche crepa.

Continua a leggere su Moneyfarm

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta