Mentre parliamo delle buche della Raggi, in Olanda hanno inventato l’asfalto che si autoripara

Con un reticolato di fili d‘acciaio in grado di distribuire calore ed elettricità, può autoripararsi solo scaldandosi. E quando non ha bisogno di interventi, distribuisce energia alle auto elettriche ferme ai semafori

JUSTIN SULLIVAN / GETTY IMAGES NORTH AMERICA / AFP

Il mondo del futuro non può avere, ancora, le buche nella strada. Per questo gli olandesi (non la giunta Raggi) ha inventato un nuovo tipo di asfalto, in grado di auto-ripararsi. Come fa? Tutto dipende dalla sua struttura interna, rivoluzionaria.

Come spiega questo video del World Economic Forum, sempre attento alle novità della tecnologia (dopo essersi occupato, con minor profitto, delle novità dell’agenda Monti), il nuovo asfalto made in Holland contiene alcune particolari fibre in acciaio in grado di trasportare calore ed elettricità.

È questo il punto: quando il reticolato si scalda (e avviene in modo artificiale, non con il caldo estivo), l’energia viene distribuita in modo uniforme lungo tutta la superficie. L’asfalto, riscaldato, diventa più morbido e, con la semplice spianatura della forza della gravità si autoripara: niente buchi, solo masse uniformi. E nemmeno niente lavori in corso, niente nuove colate d’asfalto, con annessi odori tossici, disagi (e sì, anche posti di lavoro).

 https://www.youtube.com/embed/UQy_nHq9V_8/?rel=0&enablejsapi=1&autoplay=0&hl=it-IT 

Nel frattempo, tra un’autoriparazione e l’altra, il reticolato elettrico può essere utilizzato anche per ricaricare le automobili elettriche, magari mentre sono ferme al semaforo (e in quel caso non sarebbe più, come è oggi, una seccatura). Insomma, tutto è stato calcolato e un esperimento, sempre in Olanda, è già partito. Chissà come sarebbe a Roma.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta