Ecco chi c’era a bordo del San Juan

Ecco i protagonisti della tragica vicenda del sottomarino argentino. Dalla prima donna ufficiale della marina, al gelataio. Ed ecco chi, in modo del tutto fortuito, non si è imbarcato, salvandosi

Secondo l’etica pitagorica il 4 è il numero della giustizia. Il 4 all’eccesso, il 44, invece, è il numero della più sonora delle ingiustizie. Neppure la Morte per acqua evocata con parole candide e terribili da Thomas S. Eliot (“una corrente sottomarina/ spolpò le sue ossa in sussurri”) ha benedetto i 44 membri dell’equipaggio del ‘San Juan’, il sottomarino perduto tra le correnti oceaniche dopo essere salpato da Ushuaia, la città ‘alla fine del mondo’, il 13 novembre scorso (e da cui, recentemente, abbiamo accolto su questa rivista il reportage di Maria Soledad Pereira). Tutto, ora, ha il clangore di ciò che è definitivo: la città più australe del pianeta, il 44, lo stesso nome del sottomarino, San Giovanni, logos di metallo che ha sigillato per sempre i suoi ospiti. La morte per soffocamento. La claustrofobia. Vendemmia di fiati fino all’ultimo respiro. Terribile. Il governo argentino, tra pugnalate polemiche – a che livello di revisione era il sottomarino? I parenti di alcuni marinai hanno parlato di ‘una bagnarola’ – piange, sperando l’impossibile. Il Clarín censisce le storie dei 44 martiri della marina

CONTINUA A LEGGERE SU PANGEA NEWS

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta