Guida breve per gestire la volatilità sui mercati

Affrontare il rischio delle attività finanziarie senza farsi prendere dell'ansia è fondamentale. Ecco qualche linea guida e un po' di consigli

Cosa turba in assoluto gli investitori? Senza dubbio l’imprevedibilità sui mercati. La volatilità mette ancora in crisi il mercato finanziario: basti pensare ai recenti andamenti della borsa e al caos che ne è seguito. Tanto fumo per nulla.

Ecco perché è utile sapere precisamente cos’è la volatilità e con quali criteri viene misurata, non fosse anche solo per evitare il panico in caso di volatilità. Quando parliamo di volatilità consideriamo in realtà il rischio. Quanto è rischiosa un’attività finanziaria? Si può misurare come deviazione del prezzo dal suo valore medio. Pù il prezzo di un bene sale e scende, più la aumenta la volatilità.

Per misurare l’oscillazione l’indice più importante è l’indice VIX (Chicago Board Options Exchange’s Volatility Index), che indica la volatilità dell’indice americano S&P 500. Più l’indice registra valori elevati, maggiore è la volatilità nei mercati finanziari.

Valori elevati del VIX indicano la presenza di una volatilità particolarmente accentuata sui mercati finanziari. Ad esempio, dopo il fallimento di Lehman Brothers nel 2008 si raggiunse il valore di 89, come non succedeva da anni e anni.

(…)

Continua a leggere Risparmiamocelo.it

L’aria che tira sui mercati non è più quella di prima, sintomo che l’era dei pasti gratis è già acqua passata. Lo spiega Risparmiamocelo.it

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta