La grande bugia di Airbnb: doveva arricchirci e invece contribuisce a impoverirci

Un colosso miliardario che, dove arriva, fa alzare i prezzi degli affitti alle stelle. Inoltre paga poche tasse e fa concorrenza sleale

Airbnb sta diventando un simbolo delle illusioni perdute del progresso tecnologico declinato con la piattaforma del web. Che cosa ci aveva promesso questa piattaforma inventata nel 2007 a San Francisco da tre ragazzi che volevano mettere da parte qualche dollaro affittando le loro stanze? Più opportunità sia per gli affittuari sia per gli ospiti a pagamento. Dunque, reddito per la classe media impoverita dall’onda lunga della Grande Crisi. Più condivisione, tra i proprietari di immobili e chi ha bisogno di un alloggio per vacanze o per lavoro. Più concorrenza, e quindi prezzi più bassi.

In realtà sta avvenendo esattamente il contrario. Airbnb ha assunto i connotati, come tutti i giganti del web, di una conglomerata: oggi il suo valore è attorno a 30 miliardi di dollari. La stessa cifra di Mariott-Westin, il colosso numero uno nel settore alberghiero. Questo sicuramente farà felice gli azionisti della società, ma i proprietari delle case in affitto? Quanto alla piattaforma, il suo guadagno non è irrilevante, visto che Airbnb prende il 3 per cento dal padrone di casa e una percentuale tra il 6 e il 12 per cento dall’ospite pagante.

Continua a leggere su Non Sprecare

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta