Fiat smentisce incontri con acquirenti coreani, Eni prevede la perforazione di altri 115 pozzi

La famiglia Benetton vuole il 5% di Generali, Ryanair acquista il 24,9% di LaudaMotion, MondoTv sigla accordo per realizzare un parco divertimenti in Cina. Ecco le 10 notizie finanziarie della settimana

JOE RAEDLE / GETTY IMAGES NORTH AMERICA / AFP

1) Generali potrebbe cedere il business Vita tradizionale tedesco entro l’estate. Sembrerebbe che la società abbia diverse offerte sul tavolo per la cessione. La notizia è trapelata dalla stampa tedesca. Inoltre, secondo il Sole 24 Ore, la famiglia Benetton starebbe valutando di salire a ridosso del 5% della società diventando il secondo azionista di riferimento della compagnia. Al momento Edizione, la holding della famiglia, avrebbe già raggiunto il 2% del gruppo assicurativo rafforzando la partecipazione storica dello 0,94%.

2) ENI: sono arrivate parecchie promozioni da parte degli analisti, e anche il mercato ha apprezzato gli obiettivi del nuovo piano industriale, così come il ritocco della cedola, il primo dopo tre anni. Il piano di investimenti quadriennale sarà focalizzato su progetti ad elevato valore e con rapidi ritorni, e prevede una spesa inferiore ai 32 miliardi, di cui oltre l’80% al settore upstream. Il gruppo ha l’obiettivo di scoprire 2 miliardi di barili di nuove risorse, perforando circa 115 pozzi in più di 25 paesi nel mondo.

Vuoi sapere quali sono gli altri 8 titoli da tenere d’occhio in Piazza Affari secondo Websim? CLICCA QUI

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta