Quanto si risparmia di tasse investendo nei Pir? Ecco come scoprirlo

10,9 miliardi di capitale raccolto nel solo 2017: i Piani individuali di risparmio sono stati un successo clamoroso, anche grazie al beneficio fiscale che deriva investendo in questi strumenti. Alcuni scenari per scoprire quanto si risparmia davvero

Si chiamano Pir, piani individuali di risparmio e sono strumenti finanziari immaginati per veicolare i risparmi verso realtà industriali e commerciali italiane ed europee radicate sul territorio italiano, in una logica di investimento a lungo termine. Nel senso comune, tuttavia, sono ormai sono diventati l’unico strumento finanziario sui cui guadagni non si pagano le tasse. Una scelta vincente, a quanto pare: secondo i dati di Assogestioni, nel 2017 la raccolta netta in PIR è stata di 10,9 miliardi, ben oltre le stime (1,8 miliardi) fatte dal governo prima della loro introduzione.

Ma quant’è, in realtà, il guadagno fiscale di un investimento nei Pir? Il risultato varia in funzione di quanto si investe, e dai rendimenti annuali dei fondi e delle imprese in cui si decide di investire.

Scopri quanto è conveniente investire nei Pir su Risparmiamocelo

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta