Storia del caminetto, da centro della casa a protagonista del dopo-elezioni

Citato dal senatore Matteo Renzi nel suo discorso di non dimissioni, è diventata la metafora della resa dei conti interna al Pd. Il suo fuoco scalda e conforta. Ma, se troppo agitato, comincia a bruciare

In una torsione degli eventi inaspettata e inaspettabile, i veri protagonisti del dopo-elezioni sono diventati – a sorpresa di tutti – i caminetti. Proprio così: e tutto solo perché il senatore Matteo Renzi, anziché parlare di dimissioni, ha parlato di caminetti.

Non si trattava di una televendita, ma di un attacco (l’ennesimo) rivolto a misteriosi nemici interni accusati di tramare e cospirare contro di lui, che cioè tentano di rimuovere e sostituire il segretario che ha portato il Pd ai più bassi livelli di sempre. Nulla di tanto strano. I caminetti, in tutto questo, vengono citati perché, come dice la Crusca, indicano nel linguaggio giornalistico le riunioni e i conciliaboli informali dei politici.

Poveri caminetti. E pensare che, nella storia, hanno costituito la parte più importante della casa, il centro di ritrovo, in cui passare le lunghe e fredde giornate invernali. Da necessità per tenere lontani gli animali feroci, essenziale per cucinare e tenersi al caldo, a punto di riferimento per i salotti e le famiglie. Fino a diventare il centro, metaforico, intorno al quale girano le cospirazioni, gli attacchi alle spalle e, nel caso, le sostituzioni dei leader di partito fallimentari.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta