Troppe scelte, nessuna scelta: attenzione al “choice overload”

Anche detto "sovraccarico da eccesso di opzioni disponibili", è un fenomeno frequentissimo e fastidioso: consuma parecchie energie mentali per effettuare scelte che, in realtà, sarebbe meglio non dover essere costretti ad affrontare

Visualizzate una gelateria, di quelle belle grandi, con decine di vaschette posizionate una accanto all’altra, a sedurvi con colori e cremosità tra le più diverse. Una valanga di gusti, letteralmente, sommergerà il vostro desiderio.
Visualizzate anche la coda
e, mentre le persone a mano a mano fanno la loro ordinazione, voi che vi sforzate di trovare la combinazione più in linea con il mood di oggi: pistacchi di Bronte, papaya e cioccolato bianco? E perché non amarena, gelso rosso e limone?

Colti di sorpresa dal dubbio, arriva infine il vostro momento e, mentre chi vi serve attende con un sorriso che vi pronunciate, quello che esce dalla vostra bocca è un: “Fiordilatte e cioccolato”. Banale.
“Senza panna” aggiungete timidi, perché oggi non è giorno di rivoluzione.

Se vi può sembrare una scena surreale, in realtà si tratta dell’esemplificazione di un meccanismo noto in letteratura come choice overload, altrimenti dettosovraccarico da eccesso di opzioni disponibili’.

Quando il contesto informativo che abbiamo di fronte si fa troppo complesso, facendoci consumare un sacco di energie mentali per arrivare alla scelta definitiva, è possibile che la stessa si trovi di fronte a una paralisi che la immobilizza. E questo, paradossalmente, nonostante ci siano più alternative disponibili.

Lo studio originale, famoso in letteratura, concerneva l’attitudine al consumo in un supermercato, di fronte a due stand che offrivano barattoli di marmellata: uno ne presentava sei e l’altro ventiquattro. Ora, come è intuitivo, le persone si avvicinavano di più allo stand con sei marmellate piuttosto che a quello con ventiquattro: visivamente, siamo infatti attratti dalla presenza di maggiori opzioni. Al momento dell’acquisto, però, una persona su tre, di quelle che si erano servite al bancone da sei marmellate, comprava un barattolo. Una sola su trenta, invece, acquistava una marmellata nel caso dello stand con ventiquattro tipi diversi.

Continua a leggere su Centodieci

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta