Fotografare un singolo atomo? Si può, anzi, lo hanno fatto

Un ricercatore di Oxford è riuscito nell'impresa. L’atomo appare come una luce bianca tendente al blu. La ricerca è utile per la realizzazione dei computer quantici

La foto si chiama “Un singolo atomo in una trappola di ioni”, e, come racconta il sito dell’Epsrc (Engineering and Physical Sciences Research Council) ha vinto il primo premio in una famosa competizione di fotografie scientifiche. È stata realizzata da David Nadlinger dell’università di Oxford, che ha utilizzato una Canon 5D Mark II DSLR, con vari teleobiettivi, e due flash con gel colorati.

L’atomo appare come un lampo di luce tra due elettrodi metallici piazzati a 2 mm di distanza. La foto è stata fatta attraverso una finestra di uno spazio sotto vuoto spinto, che costituisce la “trappola” per l’atomo. Oggetti del genere vengono usati per costruire orologi molto accurati, o vengono usati come “mattoni” per i computer quantici.

“L’idea di poter vedere un singolo atomo ad occhio nudo mi ha colpito come un ponte meravigliosamente diretto e viscerale tra il mondo quantico minuscolo e la nostra realtà macroscopica”, ha raccontato Nadlinger. “Un calcolo ha mostrato che i numeri erano dalla mia parte, e quando sono partito per il laboratorio con macchina fotografica e treppiedi una tranquilla domenica pomeriggio, sono stato ricompensato con questa particolare immagine di un piccolo punto blu pallido “.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta