Ecco cinque consigli per una colazione antistress

Ora che le vacanze sono finite, e siamo tutti un po' appesantiti e meno concentrati, la prima colazione ha bisogno di qualche accorgimento. Ecco qualche suggerimento per iniziare la giornata e ritrovare nuova energia, concentrazione e motivazione

Unsplash

Aperitivi, spuntini, pranzi in spiaggia e cene con gli amici: in vacanza tutto è concesso. Ora che le vacanze sono finite è probabile che ci si possa sentire un po’ appesantiti e con qualche difficoltà di concentrazione. Infatti il ritorno alla routine quotidiana dopo un seppur breve periodo di riposo, potrebbe dare seguito ad una serie di sintomi del cosiddetto stress da rientro. L’organismo infatti nelle settimane di pausa lavorativa si è abituato a ritmi più rilassati con una conseguente difficoltà a riprendere le diverse attività di questi giorni, cosa che produce scarsa concentrazione e talvolta ansia.

Per questo occorre aiutare tutto il nostro organismo attraverso l’attività fisica all’aria aperta e qualche accorgimento nella nostra alimentazione. Basta una passeggiata di qualche minuto, qualche respiro profondo per sentirsi più lucidi. E questo vale anche per l’alimentazione: senza dover intraprendere una vera e propria dieta – cosa che aumenterebbe lo stress – basta introdurre alcuni accorgimenti nella prima colazione. Per alcuni la prima colazione è un ostacolo a causa del poco tempo oppure perché non si ha fame o voglia di prepararla. Per questo ti scrivo qualche suggerimento per iniziare la giornata e ritrovare nuova energia, concentrazione e motivazione:

  1. Alzati qualche minuto prima. In vacanza il tempo sembra dilatato, perché non ci sono appuntamenti da rispettare rigidamente, scadenze e così via. Prova ad alzarti dal letto qualche minuto prima in modo da affrontare la tua giornata con più calma.
  2. Inserisci frutta e cereali integrali. Mangiare un frutto a colazione, accompagnato da un cereale integrale come l’avena oppure del pane integrale, ti assicura un costante rifornimento di energia al cervello senza causare eccessivi sbalzi di glicemia.

Continua a leggere su Centodieci

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta