Il segreto della creatività? Imparare a imparare. Ecco come non smettere mai

Spesso ci sentiamo bloccati, invecchiati, programmati perché non sappiamo più come apprendere l'ignoto. A scuola siamo obbligati a studiare in modo slegato dall’azione, ma da bambini abbiamo scoperto le cose agendo, non studiando

Nei primi anni di vita noi impariamo apprendendo dall’ambiente, dagli stimoli sensoriali e dalle indicazioni/reazioni delle persone intorno a noi. Impariamo agendo, non studiando. Impariamo a fare cose difficilissime: a stare in piedi, camminare, prendere e spostare oggetti, parlare.

I software alla base dell’intelligenza artificiale, così come le macchine e i computer che la usano, funzionano in modo molto simile: alla loro nascita non sanno molto e sanno fare anche meno, ma imparano dall’esperienza. Si chiama “machine learning”, traducibile in apprendimento automatico, ed è un insieme di metodi pensati per fare tesoro degli errori, anche grazie alla notevole velocità di calcolo dei computer.

Tra un infante e un computer ci siamo noi, che dai sei ai 18 anni (più o meno) siamo obbligati ad andare a scuola, dove studiamo in modo quasi completamente slegato dall’azione. Studiamo in modo doppiamente mediato: mediato dai libri e mediato dagli insegnanti, che ci dicono cosa è giusto e cosa è sbagliato e ci valutano di conseguenza, insegnandoci ad aspettarci segnali altrettanto chiari in futuro.

Finita la scuola dell’obbligo molti di noi continuano a studiare: all’università dobbiamo imparare a organizzare lo studio e a fare qualche scelta in più, per esempio il piano di studi o l’argomento della tesi, ma continuiamo a imparare poco dall’esperienza e moltissimo da testi e insegnanti. Dimentichiamo cosa vuol dire imparare a camminare cadendo e rialzandoci infinite volte: in un certo senso veniamo programmati in modo molto più preciso di quanto accada a un software avanzato.

Continua a leggere su Centodieci

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta