Ecco come l’Europa può tornare a crescere

La recessione non è un problema che riguarda soltanto l’Italia, ma tutta l’eurozona. Il tasso crescita in Europa è il più basso da oltre sei anni (0,2%). Il problema principale è che dopo la crisi del 2008 il grande assente è stata una politica fiscale espansiva. E ora ne paghiamo le conseguenze

L’Italia è in recessione tecnica ma l’eurozona non se la passa meglio. Il tasso di crescita in Europa è il più basso degli ultimi sei anni. E solo per un soffio la Germania ha evitato di finire come noi in recessione. Paga l’avvio della guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina perché Berlino è il primo partner commerciale di Pechino.

Quando un’economia si basa troppo sulle esportazioni finisce per diventare eccessivamente dipendente dalle dinamiche degli altri Paesi. La verità è che dal 2008 manca in Europa una politica econmica espansiva. E l’insistenza della Commisione Europea sul fatto che i paesi periferici dell’eurozona continuino a ridurre il deficit di bilancio è assolutamente irragionevole in una situazione di crescita economica molto bassa.

Vuoi sapere quale strada potrebbe percorre l’Europa per tornare a crescere?

Scoprilo su Risparmiamocelo.it

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta