Ecco perché i fondi attivi stanno annientando quelli passivi nel mercato

La sfida tra fondi attivi e fondi passivi è uno dei temi finanziari più discussi nell’ultimo decennio. Per la società americana Morningstar che ogni sei mesi confronta le performance dei fondi attivi e passivi nei diversi mercati di riferimento non c'è storia: i primi sono migliori dei secondi

Skeeze

Un vero ko. Secondo la società americana Morningstar che ogni sei mesi confronta le le performance dei fondi attivi e passivi nei diversi mercati di riferimento, non c’è storia: i primi sono nettamente migliori dei secondi. E dire che la sfida tra fondi attivi e fondi passivi è uno dei temi finanziari più discussi nell’ultimo decennio. Da un lato, difensori delle strategie passive ritengono che un fondo a basso costo che replica un indice di mercato sia la migliore opportunità di investimento nel lungo termine. Dall’altro, i sostenitori delle strategie attive ribadiscono che l’abilità dei gestori nella selezione del portafoglio sia in grado generare un’extra-performance rispetto al mercato.

Vuoi sapere perché i fondi attivi performano megli di quelli passivi?

Continua a leggere su Risparmiamocelo.it

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta