Guerre commercialiDazi tra Usa e Cina, ecco perché la “mano invisibile” di Adam Smith ha fallito

Oggi la guerra comerciale è considerata il pericolo numero uno per l’economia globale. L'inasprimento dei rapporti tra le due superpotenze mondiali Cina e Stati Uniti, potrebbe riportare presto il mondo ai tempi bui che non si vedevano dalla Guerra Fredda

STR / AFP

L’economia globale ha un grande nemico: la guerra commeciale. Tra tweet, dazi e interessi geopolitici tra Stati Uniti e Cina, si sta tornando a un clima da Guerra Fredda. Ma non è stato sempre così. Dopo la seconda guerra mondiale, la maggior parte dei paesi del mondo ha iniziato a sposare le idee del libero mercato e del libero scambio. Liberare i flussi commerciali dai dazi e dalle politiche protezionistiche avrebbe generato un mondo più ricco, produttivo, globalizzato ed efficiente. I governi nazionali delle economie più avanzate hanno aderito al nuovo corso mettendo in atto politiche di stampo neoliberista che si rifanno alla metafora della mano invisibile di Adam Smith.

Vuoi sapere perché la mano invisibile di Adam Smith ha fallito?

Scoprilo su Risparmiamocelo.it

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta