Saggezza terrenaSilenziosi, poveri e perfettamente felici: chi sono i beati, secondo la filosofa María Zambrano

Il beato è alienato dal commercio, non ha relazioni, è realizzato. Il suo genio non si misura in applausi; egli vive nel grazie e nel sì. I beati sono esseri di silenzio. Per avvicinarsi a loro, tocca partecipare in qualche modo della semplicità che è la loro condizione

Foto da Facebook

Il beato, spesso, è equiparato al beota. Il beato sa che ogni potere esiste per perderlo, per dissiparlo, che non esiste rischio ma continua risposta, che il potere è spaventato dalla povertà. Per questo, lo si dice beota, è alienato dal commercio, non ha relazioni, è realizzato. Il suo genio non si misura in applausi, con il metro dello stipendio, con il gregge delle amicizie doc. Egli è sconosciuto ai più, ignoto anche a se stesso, non sa cosa sia l’innocenza perché ne ha trasceso il biancore – non illumina, si lancia.

Non cerca – non cerca nulla ed è introvabile – quando ha un pasto e nessuno a cui donarlo, senza pignolerie da puro di cuore, ringrazia.

Di cosa devi essere felice? Di tutto. Di nulla. Il beato vive nel grazie e nel , in uno stato che precede Eden e le semplificazioni di bene e di male. Non è indifferente – indifeso, piuttosto.Vive l’inconciliabile, non celebra i culti, non coltiva: il suo passare ci colpisce con l’arma del se, con atrocità interrogativa, chi sei? Ci scava, con zappa di luce e vanga d’abisso. Il beato sorpassa le beatitudini, perché la purezza non ha decalogo.

Il santo deve essere macchiato, esagitato, fuori norma, perfino violento – la santità è concessione all’eccesso. Il beato ha covo nell’insignificanza, è calibrato alla scomparsa, nell’erba vede una omelia.

Continua a leggere su PangeaNews

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta