Piccola distribuzioneSiete a caccia di mercati bio? Ecco la lista che li elenca tutti

Si chiamano mercati a filiera corta e rivoluzionano il nostro modo di concepire gli acquisti, le relazioni con i produttori, e persino il nostro rapporto col cibo. E fanno pure risparmiare: ecco dove trovarli da nord a sud dello Stivale

Photo by Annie Spratt on Unsplash

Contro il carovita e le frodi alimentari c’è una via di uscita: i mercati rionali biologici, un’ottima alternativa al doversi districare tra verdure e frutta di plastica, confezioni inquinanti e prezzi gonfiati da tutti i passaggi della filiera.

I mercati rionali biologici non sono solo un modo di acquistare, a prezzi convenienti, frutta e verdura di cui possiamo toccare con mano qualità e provenienza, ma un vero e proprio concetto di vita ed economia. Si tratta di un modo di concepire il nostro rapporto con il denaro e con gli acquisti, che rinforzi la cosiddetta “filiera corta”, un rapporto diretto fra produttori e consumatori che non preveda passaggi intermedi. Con un risparmio effettivo sulla spesa e il piacere un po’ retrò del passeggiare tra i banchi dei mercati.

Continua a leggere su Nonsprecare.it

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta