Free fromSorpresa: agli italiani piacciono sempre meno i prodotti “senza”

Il 18,4% dei prodotti di supermercati e ipermercati si qualifica come “free from“, ovvero prodotti “senza” (conservanti, coloranti, grassi idrogenati). Secondo l’ultimo Osservatorio Immagino, però, ora molti di questi stanno perdendo smalto a fronte di alcune nuove tipologie emergenti

Photo by Fancycrave on Unsplash

Cosa sta succedendo nel mondo italiano dei prodotti “free from”? La risposta la fornisce l’ultima edizione dell’Osservatorio Immagino, che ha rilevato le performance di vendita nel 2018 di 64.800 prodotti alimentari di largo consumo venduti in Italia.

Quelli che evidenziano in etichetta uno dei 14 claim rilevati che comunicano l’assenza di un componentesono quasi 12 mila, ossia il 18,4% dell’assortimento di supermercati e ipermercati, e generano un fatturato di 6,8 miliardi di euro (pari al 27% del totale alimentare rilevato).

Continua a leggere su TendenzeOnline

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta
Paper

Linkiesta Paper Estate 2020