CommemorazioniCommemorare le stragi dei migranti serve a poco, dice Chef Rubio

Ad agosto era salito a bordo della OpenArms insieme a Richard Gere, per dare sostegno ai migranti trattenuti a breve distanza da Lampedusa. A poche ore dalle commemorazioni della strage del 3 ottobre, ci spiega perché la sua presa di posizione non è solo una questione di click

da Nuove Radici

Lui è lo “chef non-convenzionale” del piccolo schermo, noto al grande pubblico per programmi cult “Unti e Bisunti”, “Camionisti in Trattoria”. Chef Rubio (36 anni) è anche un uomo eclettico: ex giocatore di rugby, si è formato come cuoco e si è trasformato in un volto televisivo, per poi esporsi senza filtri, come influencer dell’impegno sociale. Il suo feed di Instagram parla poco di cucina e molto di degrado urbano, di inclusione, di solidarietà. Ad agosto era salito a bordo della OpenArms insieme a Richard Gere, per dare sostegno ai migranti trattenuti a breve distanza da Lampedusa. A poche ore dalle commemorazione della strage del 3 ottobre, ci spiega perché la sua presa di posizione non è solo una questione di click.

CONTINUA A LEGGERE SU NUOVERADICI.WORLD

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta