L’anno che verràLucio Dalla, ecco la Legacy Edition del disco di 40 anni fa. Ed è sempre contemporaneo

A distanza di quasi mezzo secolo ritorna, rivisto e rinfrescato, l’album uscito nel 1979: canzoni leggere che segnarono un’epoca, uno stile e un nuovo modo di intendere la musica. Insieme a tre brani in versione inedita

da Youtube

Sono passati 40 anni, una o due ere geologiche, ma la musica di Lucio Dalla – dello storico album “Lucio Dalla”, appunto – è ancora contemporanea. Le stesse suggestioni di una volta si ritrovano nella Legacy Edition, pubblicata da Sony, che riprende e rinfresca i brani di un tempo (Anna e Marco, su tutti, ma anche L’anno che verrà) e aggiunge tre versioni inedite: una di Angeli, il cui video è accompagnato dai disegni di Alessandro Baronciani, il maccheronicissimo Stella di Mare e, infine, una versione di studio con Francesco De Gregori di Ma come fanno i marinai, dopo averla portata in tour nelle piazze italiane.

 https://www.youtube.com/embed/YkZDBhBKA0A/?rel=0&enablejsapi=1&autoplay=0&hl=it-IT 

Sono canzoni nate in anni di feste in piazza, di ballerini improvvisati che “sembrano cavalli”, di luci leggere e notti bianche «come l’abito di una sposa». Epoche dove, alle contestazioni anche armate, si contrapponevano malinconie diradate, che nel corso del disco si vanno a stemperare in una atmosfera di sogno, fatta di ironia, speranza, invenzioni giocose e fantasia. I «sacchi di sabbia vicino alla finestra», insomma, con cui ci si prepara all’«anno che verrà». Questa era, all’epoca, la novità. E lo è ancora adesso.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta