Conte reinventa la parola “populismo”, ma all’insaputa del vocabolario

I politici di un tempo, quando cambiavano idea, si limitavano a rimangiarsi la parola; oggi pretendono di riscrivere tutto il vocabolario. Vedi il caso del nostro Premier

TIZIANA FABI / AFP

Intervistato dal Corriere della sera, ieri Giuseppe Conte ha puntualizzato che lui, nel definirsi populista, ha sempre «inteso il populismo nella sua accezione nobile, che si richiama all’articolo 1 della Costituzione per cui la sovranità appartiene al popolo». Temendo si trattasse di una mia imperdonabile lacuna, ho compulsato tutti i manuali di storia e tutti i dizionari che sono riuscito a rimediare, ma non ho trovato traccia di una simile accezione.

I politici di un tempo, quando cambiavano idea, si limitavano a rimangiarsi la parola; oggi pretendono di riscrivere tutto il vocabolario

E forse è questa la vera novità. I politici di un tempo, quando cambiavano idea, si limitavano a rimangiarsi la parola; oggi pretendono di riscrivere tutto il vocabolario. È vero che mi definivo populista — dicono — ma nell’accezione nobile, che si richiama alla Costituzione, che è un po’ come se Storace dicesse di avere sempre inteso il fascismo nell’accezione medica, che si richiama al giuramento di Ippocrate e all’importanza delle fasciature.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta