Trump minaccia, via Twitter, di bombardare 52 obiettivi politici e culturali iraniani: «Useremo le nostre bellissime armi nuove di zecca»

Il presidente americano sostiene che colpirà velocemente e fortemente Teheran con tutta la potenza del suo apparato militare, se la Repubblica islamica cercherà di vendicare l’uccisione di Soleimani. Bluffa o fa sul serio?

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha minacciato, via Twitter, di bombardare 52 luoghi politici e culturali iraniani, uno per ciascuno dei 52 ostaggi americani che Teheran prese nel 1979, se la Repubblica degli Ayatollah dovesse rispondere con la violenza all’uccisione del generale Qassem Soleimani. L’Iran, ha scritto in maiuscolo Trump, «SARÀ COLPITO VELOCEMENTE E PESANTEMENTE».

«Ci attaccano e noi rispondiamo», ha scritto successivamente Trump. «Se ci attaccheranno di nuovo, cosa che gli consiglierei fortemente di non fare, li colpiremo ancora più duramente di quanto non siano stati colpiti primi».

Poco dopo la mezzanotte di Washington, un altro tweet a metà tra un giocatore di poker e un guappo di strada: «Gli Stati Uniti hanno appena speso duemila miliardi di dollari in armamenti di guerra. Siamo i più grandi e i migliori del mondo! Se l’Iran attaccherà una base americana, o qualsiasi americano, useremo contro di loro un po’ di queste bellissime armi nuove di zecca… e senza esitazione!».

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta