CoronavirusGli Stati Uniti sono il primo paese al mondo per numero di contagi: 81.321

Superata l’Italia, oltre mille i morti. I dati del New York Times

Gli Stati Uniti sono primo il primo Stato al mondo per numero di contagi da coronavirus: 81.321. Più di Italia e Cina. Oltre mille i morti. A dirlo è il New York Times. Il Parlamento Usa, che si prepara a varare un piano da 2 trilioni di dollari, dovrà agire al più presto.

Solo a New York, il numero degli ospedalizzati è aumentato del 40% in un giorno. Gli Stati ora chiedono maggiori aiuti federali per ottenere la strumentazione tecnica per le cure. Ma la Casa Bianca ha cancellato il piano di produzione di 80mila ventilatori, sostenendo che il prezzo stimato di 1 miliardo di dollari sarebbe stato eccessivo. Diverse facoltà di medicina del Paese, intanto, in Massachusetts e New York, si sono dette disponibili a far laureare i propri studenti otto settimane prima, in modo da renderli operativi negli ospedali in anticipo per occuparsi dell’emergenza.

 

Gli Stati Uniti sono il terzo Paese più popoloso al mondo. Ma tra i messaggi altalenanti di Donald Trump sulla pericolosità della pandemia e un sistema sanitario frammentato, non c’è stata finora una risposta unificata per affrontare l’emergenza sanitaria né una vera e propria presa di coscienza collettiva. Mancano mascherine per proteggere medici e infermieri in prima linea, ma anche i ventilatori per mantenere in vita i pazienti. In supporto della città di New York, lunedì dovrebbe arrivare a Manhattan una imbarcazione della Us Navy, che ospiterà i pazienti che non presentano i sintomi da coronavirus.

Oggi il New York Times ha modificato la sua prima pagina per mostrare i 3 milioni nuovi disoccupati in seguito alla diffusione del contagio. Ieri un rapporto del Dipartimento del Lavoro ha mostrato un aumento senza precedenti delle domande di sussidi di disoccupazione, passati da 282mila a quasi 3,3 milioni in una sola settimana.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta