Super MarioL’intervento di Draghi accelera i progetti politici per il dopo virus (e il dopo Conte)

L’ombra dell’ex presidente della Bce e le mosse di Matteo Renzi e dell’opposizione fanno scricchiolare il premier, in uno scenario ancora incerto per gli effetti di Covid-19 sul paese

Tobias SCHWARZ / AFP

In questa specie di Montagna incantata che è diventata la politica italiana, i piani della discussione si confondono, è impossibile sapere quanto durerà la guerra, impossibile sapere quanto durerà il dopoguerra ma la discussione ormai interseca i due piani, eppure qualche segno va comunque colto. Per esempio, ieri il Senato ha avuto un brivido quando Matteo Renzi ha detto con una perentorietà che segnala uno scricchiolio nella maggioranza che con il coronavirus dovremo convivere due anni, non certo nel senso che dovremo stare a casa fino al 2022 ma che comunque la psicologia e anche la vita reale non torneranno come prima. È stato un modo per drammatizzare quello che avverrà a guerra finita ma soprattutto per spronare il governo a un maggiore realismo (e qui l’insoddisfazione, chiamiamola così, verso l’operato di Giuseppe Conte è stata evidente).

In realtà i discorsi di Renzi ma anche di Pierferdinando Casini e, con toni e finalità diversi, persino di Matteo Salvini, hanno sbattuto in faccia al presidente del Consiglio un problema non da poco, e cioè il rischio forte che l’Italia possa sì vincere il morbo ma poi soccombere, e presto, dinanzi alla penuria economica.

Tradotto in termini politici, è come se avessimo da una parte i combattenti del partito contian-democratico, e dall’altra chi vorrebbe già ora guardare più in là iniziando da subito a mettere soldi in quantità straordinaria: una richiesta avanzata da giorni in modo tranchant dalla destra e appoggiata da Italia Viva soprattutto ora che è apparso il gran richiamo di Mario Draghi con l’articolo sul Financial Times.

Nel dibattito al Senato un po’ tutti lo hanno citato, compreso il presidente del Consiglio che ovviamente non vuole regalare Super-Mario alla destra (e sarebbe davvero un paradosso clamoroso se ora l’ex capo della Banca centrale europea diventasse l’eroe dei sovranisti). Infatti poi il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri ha sposato le sue indicazioni, e magari nel decreto di aprile si arriverà più vicino ai 30 miliardi di euro rispetto ai 25 previsti in un primo momento.

Ma è impossibile sfuggire alla sensazione che, dopo il suo articolo, Draghi sia di fatto entrato nell’arena, si vedrà se come “regista europeo” del mega-piano Marshall che (speriamo) verrà, o come “premier della ricostruzione italiana”. Il premier attuale, Conte, vorrebbe restare sul qui e ora, avendo pure ottime ragioni dalla sua, e in questo senso è stato “costretto” a fare al Senato quello che non aveva fatto il giorno prima alla Camera, cioè porsi il problema del coinvolgimento delle opposizioni che poi è anche un modo per riacciuffare un Renzi sempre più scalpitante.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta