Pallone sgonfiatoIl calcio europeo è sull’orlo del collasso

I club professionistici generano entrate per 21 miliardi di euro ma ora televisioni e sponsor non pagano più senza le partite. Gli alti costi fissi e le poche entrate per il calciomercato rischiano di mettere in ginocchio molte squadre

Pixabay

«Se non giochiamo a porte chiuse il prima possibile, non ha senso parlare se dovremmo giocare un campionato con 18 o 20 squadre, perché non avremo più nemmeno 20 squadre professionistiche». Christian Seifert non è un polemista esperto nell’uso di frasi choc per attirare l’attenzione del pubblico, è il Ceo della Deutsche Fußball Liga, il campionato di calcio tedesco. In Inghilterra usa toni forti anche Greg Clarke, capo della Federcalcio inglese, che teme «perdite finanziare per i club e persino delle divisioni a causa del crollo finanziario».

La crisi del coronavirus ha colpito frontalmente un modello economico relativamente stabile. Per quanto riguarda le entrate, i club professionistici europei hanno generato entrate per 21,1 miliardi di euro, un aumento di cinque volte in 20 anni. Certo, questa performance è guidata principalmente da una trentina di club grandi e ricchi, ma una crescita così forte e costante è comunque rara per un “vecchio” mercato come il calcio.

Per quanto riguarda la spesa, i club principali sono stati costretti a mettere i propri conti in ordine per conformarsi alle regole del Fair Play finanziario ideate dopo la crisi finanziaria del 2008 con l’obiettivo di rimettere a posto le finanze del calcio europeo, all’epoca fortemente indebitato. Il risultato di quel regolamento è che da quando è stato istituito il calcio è diventato generalmente redditizio (sotto l’impulso delle più grandi squadre) e ha notevolmente ridotto i suoi debiti.

Il settore non è mai stato così in buona salute come nell’ultimo decennio. Come spiegare il fatto che si ritrova sul filo del rasoio dopo solo un mese di interruzione delle gare?

La prima risposta è semplice: il calcio si è fermato dalla sera alla mattina, interrompendo improvvisamente l’entrata delle sue maggiori fonti di reddito. Nessun settore potrebbe uscirne bene, come testimoniano le stazioni sciistiche e il settore musicale.

Una seconda spiegazione è che il calcio è un settore con costi fissi molto elevati. Quando una società di trasporto merci non può mandare in giro i propri camion, ovviamente soffre, ma almeno risparmia carburante, che rappresenta circa il 30 per cento della sua spesa. La spesa di gran lunga maggiore per le squadre di calcio è rappresentata dagli stipendi dei giocatori (e in misura minore da quelli del personale non sportivo). In Europa, il 64 per cento delle entrate viene speso per gli stipendi, un tasso che non è cambiato in dieci anni anche se le entrate sono esplose.

Pertanto, i club non sono stati in grado di fare un balzo in avanti nella redditività. Non hanno controllato i loro costi del lavoro e il miglioramento nei conti è venuto da altrove (un onere del debito inferiore, per esempio). Il fenomeno è più o meno evidente a seconda del paese e della lega. «In Inghilterra, ad esempio, alcuni club di secondo livello faranno qualsiasi cosa per salire alla massima serie e ottenere enormi diritti televisivi. Reclutano giocatori molto costosi nella speranza di arrivare in cima, tanto che la spesa per gli stipendi dei giocatori a volte supera il loro reddito operativo!», afferma Pierre Rondeau, un economista sportivo.

«La variabile salariale è ciò che fa la differenza tra le squadre di calcio professionistiche e quelle in altri sport come pallavolo, pallamano o pallacanestro», aggiunge Christophe Lepetit, responsabile degli studi economici presso il Centro per il diritto sportivo e l’economia di Limoges. «Il calcio beneficia molto meno dei programmi di lavoro a breve termine istituiti dai governi, poiché tali programmi sono limitati, ad esempio a 5.400 euro al mese in Francia».

Questo probabilmente spiega perché il calcio è ansioso di finire la stagione, mentre le competizioni francesi di pallavolo e basket professioniste francesi l’hanno convocato per l’anno prossimo.

Il calcio è quindi tra l’incudine e il martello le sue spese sono relativamente limitate dagli stipendi e tutte le sue fonti di reddito sono tagliate dal virus. Il più importante di questi sono i diritti TV, in particolare quelli dei campionati nazionali.

 

Con il calcio fermo, molti canali televisivi hanno dichiarato che non pagheranno per le partite che non si giocheranno. In Francia, ad esempio, Canal +  BeinSport lo hanno annunciato nei giorni scorsi. I club francesi dovranno recuperare i 200 milioni di euro persi. Anche gli sponsor intendono rinegoziare i contratti in corso, che faranno perdere al calcio francese almeno 140 milioni di euro secondo la società Kpmg. Un altro scenario prevede una ripresa del calcio, ma senza tifosi, con partite solo televisive. In questo caso, la cancellazione (sempre in Francia) sarà di 40 milioni di euro in entrate per i biglietti non venduti, insieme a una buona parte delle entrate di merchandising (vendite di magliette e così via).

Infine, il calcio francese dipende in particolare dalle entrate derivanti dalla negoziazione di giocatori. I club francesi sono generalmente in perdita, ma hanno un grande vantaggio: sono tra i migliori “allenatori” del mondo. La maggior parte di loro bilancia i propri conti vendendo giovani giocatori a club inglesi e spagnoli a un prezzo elevato. L’anno scorso, i club francesi hanno realizzato un utile netto sui trasferimenti di quasi 310 milioni di euro. Questo schema è lo stesso per molti club “minori” nelle leghe meno abbienti (Portogallo, Belgio, ecc.). Ma i clienti inglesi e spagnoli, impoveriti dal coronavirus, ridurranno i prezzi questa estate. Il centro di ricerca Cies stima che il valore dei giocatori sia già diminuito del 28 per cento a causa del virus.

Molti club europei sono quindi in pericolo. Il rischio è più elevato nel breve termine, perché il principale pericolo riguarda il flusso di cassa: gli stipendi devono essere pagati immediatamente da entrate che non possono essere perse ma che sono state per ora posticipate, come le ricevute dei biglietti o i diritti TV (presupponendo che le partite di fine stagione finalmente si giocheranno all’inizio dell’estate). I club sono quindi alla ricerca di accordi con i giocatori. In Francia, è stato raggiunto uno di questi accordi con il sindacato dei giocatori per spalmare nel tempo i pagamenti salariali dei giocatori.

Altrove in Europa, ogni club negozia individualmente con i propri dipendenti. Un’altra strategia è quella di cercare urgentemente denaro fresco. Gérard Lopez, presidente del club di Lille, ha iniziato a cercare prestiti da fondi di investimento a nome di tutti i club francesi che li richiedevano. «Stiamo parlando di un tasso di interesse dell’8 per cento, che è piuttosto elevato dato il livello complessivo dei tassi di interesse al momento», commenta l’economista sportivo Pierre Rondeau. «Questo aumenterà il peso del debito dei club francesi per molti anni a venire».

Al di là del flusso di cassa, alcuni club europei avranno problemi anche nel medio-lungo periodo. Per l’economista Pierre Rondeau, rischiano quattro profili di club. Il primo include i club «detenuti da un investitore che è venuto a fare soldi a breve termine e che si rende conto di aver fatto una scommessa sbagliata». Un esempio è il club Girondins de Bordeaux, di proprietà del fondo americano King Street, che stava già pensando di fare i bagagli prima della crisi.

Un secondo profilo comprende i club di proprietà di investitori stranieri con obiettivi solo vaghi, come l’Olympique de Marseille. «L’americano Frank McCourt potrebbe aver voluto costruire nel medio-lungo termine, ma l’orizzonte della redditività si è chiaramente attenuato, dato che questa crisi è destinata a lasciare il segno in diversi rapporti sugli utili», afferma Pierre Rondeau. Il terzo profilo sono i club «da casinò» come il Monaco e Lille, il cui modello di business è focalizzato sul trading dei giocatori e quindi sembra risentire della svalutazione dei giocatori. Infine, il quarto profilo riguarda i club il cui proprietario è direttamente interessato dal coronavirus, come Olivier Sadran, proprietario del Toulouse FC e anche CEO di Newrest, una compagnia di catering per compagnie aeree.

In questo momento si parla di gestione delle crisi, ma è già in corso un dibattito sul futuro modello del calcio europeo post-coronavirus. Sono possibili tre scenari, a seconda della durata della crisi. Il primo si svolgerà se la situazione economica sarà sotto controllo e il calcio potrà riprendere entro maggio. «Il calcio professionistico sopravviverà a questa crisi, perché i club hanno agito in modo responsabile, in particolare grazie al fair play finanziario», afferma l’economista Bastien Drut. In una situazione del genere, prevede «una certa moderazione sul mercato dei trasferimenti e una minore crescita dei ricavi nei prossimi anni».

Ma se la crisi dura, sono possibili altri due scenari. Uno positivo spianerebbe la strada a normative sul calcio più forti: un limite salariale a livello europeo, un limite all’importo dei trasferimenti, una quota obbligatoria per i giocatori allenati in casa, la tenuta di riserve per far fronte alle crisi e così via. Tali misure costringerebbero i club a lavorare a lungo termine, rafforzando così il loro capitale azionario e limitando il salario. L’altro scenario è meno positivo. Se molti club falliscono, specialmente quelli più piccoli, i grandi club di ciascun paese potrebbero trarne vantaggio per formare un campionato europeo chiuso. Questo è un sogno di vecchia data in alcuni settori, e quello che la crisi potrebbe accelerare in caso di una strategia di shock.

«In effetti, le condizioni sono giuste per entrambi gli scenari», osserva Christophe Lepetit. «Al Cdes stiamo ovviamente spingendo per sfruttare la crisi per fornire un quadro migliore per il calcio». Ma Loïc Ravenel, un ricercatore del Centre International d’Études du Sport, teme questa prospettiva: «Purtroppo non ho illusioni. Dovrebbero fallire molti club e alcuni molto noti per farci muovere verso qualche grande resa dei conti egualitaria».

Come disse un consigliere di Barack Obama nel 2008: «Non dobbiamo mai rovinare una buona crisi». L’unica domanda è capire chi sarà in grado di sfruttarla per dare forma al calcio di domani.

Articolo orginariamente uscito su Alternative Economiques e tradotto in inglese dallo European Data Journalism Network 

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta