SolidarnoscIl giornalismo condanna l’intimidazione russa a La Stampa, il governo un po’ meno

Direttori, giornalisti e qualche politico hanno espresso vicinanza a Jacopo Iacoboni minacciato dal portavoce del ministero della Difesa russo. La Farnesina e il ministero della Difesa con una nota congiunta hanno scritto «non si può non biasimare il tono poco opportuno». Ancora silente Conte

Tutto il mondo del giornalismo sta esprimendo in queste ore la sua solidarietà a Jacopo Iacoboni, mentre il governo non ha ancora preso una posizione ufficiale. Giovedì il portavoce del ministero della Difesa russo, il maggior generale Igor Konashenkov ha accusato il giornalista de La Stampa di «russofobia» concludendo la nota con una motto latino che da molti è stato considerata una minaccia: «Qui fodit foveam, incidet in eam». Tradotto: «chi scava la fossa, in essa precipita». Iacoboni aveva scritto un articolo mettendo in dubbio l’effettiva utilità degli aiuti inviati dalla Russia all’Italia per soccorrere la popolazione di Bergamo colpita dal coronavirus.

In una nota congiunta il ministero della Difesa e il ministero degli Affari Esteri ringraziano la Russia per gli aiuti ricevuti finora, ma «nell’essere grati per tale manifestazione concreta di supporto, non si può, allo stesso tempo, non biasimare il tono inopportuno di certe espressioni utilizzate dal portavoce del Ministero della Difesa russo nei confronti di alcuni articoli della stampa italiana. La libertà di espressione e il diritto di critica sono valori fondamentali del nostro Paese, così come il diritto di replica, mantenendosi entrambi dentro canoni di correttezza formali e sostanziali. In questo momento di emergenza globale il compito di controllo e di analisi della libera stampa rimane più che mai essenziale».

Dopo l’editoriale di stamattina del direttore de Linkiesta, Christian Rocca, finora hanno espresso solidarietà a Iacoboni molti giornalisti. L’ex direttore di La Stampa e Repubblica, Mario Calabresi, Federico Fubini e Marco Castelnuovo del Corriere della Sera, Gianni Riotta de La Stampa, il direttore de Il Foglio, Claudio Cerasa,  Simone Spetia di Radio 24 e il giornale Repubblica.  Ma anche il presidente della Federazione Nazionale Stampa Italiana, Beppe Giulietti. Rula Jebreal. Federica Angeli, Andrea Vianello e

Tra i politici che hanno espresso solidarietà ci sono gli ex presidenti del Consiglio Enrico Letta e Matteo Renzi, il sindaco di Bergamo Giorgio Gori, il segretario di PiùEuropa Benedetto Della Vedova, il deputato di Italia Viva Luigi Marattin, l’europarlamentare del Partito democratico Alessandra Moretti,e il capogruppo del Pd alla Camera Graziano Delrio. e il segretario di Sinistra Italiana Nicola Fratoianni. Ma anche il segretario della Fim Cisl, Marco Bentivogli.

 

Le newsletter de Linkiesta

X

Un altro formidabile modo di approfondire l’attualità politica, economica, culturale italiana e internazionale.

Iscriviti alle newsletter