Al supermercatoLa spesa di chi soffre di intolleranze alimentari

Nella grande distribuzione organizzata i prodotti senza glutine e senza lattosio rappresentano oltre il 13% dell'offerta. Un paniere che ha raggiunto i 3,6 miliardi, in crescita continua. I dati dell'Osservatorio Immagino

Sponsorizzato daTendenze online
supermercato
Photo by Mehrad Vosoughi on Unsplash

I prodotti alimentari privi di glutine o di lattosio sono diventati, in pochi anni, una presenza abituale nel menù degli italiani. E, anche nell’ultimo anno rilevato dalla sesta edizione dell’Osservatorio Immagino, hanno continuato a guadagnare spazio sul budget alimentare delle famiglie.

Ormai i prodotti etichettati come “senza glutine” o “senza lattosio” sono arrivati a rappresentare il 13,3% dell’offerta alimentare presente in supermercati e ipermercati e, nell’anno finito a giugno 2019, hanno generato il 14,4% del giro d’affari di tutto il perimetro alimentare dell’Osservatorio Immagino (esclusi acqua e alcolici).

Continua a leggere su TendenzeOnline

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta