La rotturaAbu Mazen annuncia la fine di tutti gli accordi con Israele e Stati Uniti

Il leader dei palestinesi reagisce all’annuncio, fatto dal nuovo governo Netanyahu - Gantz, della volontà di annettere parte della Cisgiordania

Il presidente palestinese Abu Mazen ha annunciato la fine di tutti gli accordi con Israele e gli Stati Uniti.

Risponde così all’intenzione, dichiarata dal governo Netanyahu-Gantz, di annettersi parte del territorio della Cisgiordania. Come del resto era previsto nel piano di pace proposto da Washington a gennaio.

«L’Organizzazione per la liberazione della Palestina e lo Stato della Palestina sono da oggi esentati da tutti gli accordi e le intese con i governi americano e israeliano e da tutti gli obblighi ivi previsti, compresi quelli di sicurezza», così il testo della dichiarazione, pubblicato dall’agenzia statale Wafa.

Israele, continua Abu Mazen, dovrà assumersi i propri obblighi «in quanto potenza occupante con tutte le conseguenze e le ripercussioni basate sul diritto internazionale e umanitario, in particolare la Quarta Convenzione di Ginevra».

Il che riguarda, aggiunge, le responsabilità per la sicurezza della popolazione civile nei territori occupati e delle sue proprietà, il divieto di punizioni collettive, del furto di risorse, dell’annessione di terra e di trasferimenti di popolazione dall’occupante agli occupati, che “costituiscono gravi violazioni e crimini di guerra”.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta