Post BrexitCome sta andando (male) il negoziato con Londra, secondo Barnier

Il rappresentante della Commissione europea spiega lo stallo della trattativa per stabilire le relazioni commerciali tra Unione europea e Regno Unito. «A eccezione di alcune modeste aperture, non siamo riusciti a fare progressi su nessuno degli altri argomenti più difficili»

Afp
«Sono ancora determinato, ma non ottimista». Il capo negoziatore Brexit per la Commissione europea, Michel Barnier, ha pubblicato per i cittadini europei un riassunto lucido, sincero e deluso di come stanno andando i negoziati con il Regno Unito per definire le relazioni commerciali. Eccetto qualche modesta apertura sulla pesca (ma le posizioni rimangono distanti), le due parti non hanno fatto progressi sugli argomenti più difficili.
In particolare Londra non ha avviato una vera discussione sulla questione del level playing field. Ovvero la concorrenza leale e il rispetto delle regole di “fair play” economiche e commerciali per evitare una gara al ribasso su tasse e condizioni dei lavoratori. Barnier ha lamentato anche la pigrizia di Londra nell’impegnarsi alla lotta contro il riciclaggio di denario, nonostante il premier Boris Johnson l’avesse promesso nell’accordo preliminare. Non solo, Londra dice di voler raggiungere obiettivi ambiziosi sul cambiamento climatico ma rifiuta di discuterne con Bruxelles.
Secondo Barnier, il Regno Unito vorrebbe mantenere i benefici del mercato unico senza però rispettarne gli obblighi, come se non avesse capito realmente le conseguenze della scelta britannica di lasciare il mercato unico e l’unione doganale. Oppure Londra vorrebbe un accordo simile a quello tra l’Ue e il Canada, ma Bruxelles non ha intenzione di fare un best of degli accordi precedenti. E poi ci vorrebbe molti anni per chiudere accordi del genere, per sondare tutti i dettagli.
Il Regno Unito dovrà essere più realista, spiega Barnier. Si augura che il quarto round di inizio giugno sia migliore del primo e ha ricordato che senza condizioni di parità e senza un accordo sulla pesca, non ci sarà alcun accordo di partenariato economico e commerciale. «Fino alla fine, l’Ue e io rimarremo calmi, fermi sui nostri principi e rispettosi».

La dichiarazione di Barnier.
Tre settimane fa, al termine della nostra seconda tornata di negoziati sul nostro futuro partenariato con il Regno Unito, vi ho detto che l’obiettivo dell’Unione europea era di avanzare – parallelamente – su tutti i temi dei negoziati, compresi quelli più difficili. Questa settimana abbiamo continuato a lavorare con David Frost e le due squadre negoziali che desidero ringraziare.

(…) Le nostre discussioni ci hanno permesso di chiarire una serie di questioni in settori quali gli scambi di merci, i trasporti o la partecipazione del Regno Unito ai futuri programmi dell’Unione. Finalmente siamo stati anche in grado di avviare l’inizio di un dialogo sulla pesca, anche se le nostre posizioni rimangono molto distanti. Detto questo, a eccezione di alcune modeste aperture, non siamo riusciti a fare progressi su nessuno degli altri argomenti più difficili.

Nonostante le sue affermazioni, il Regno Unito non ha avviato una vera discussione sulla questione del level playing field (la parità di condizioni ,ndr) – quelle regole di “fair play” economiche e commerciali che abbiamo concordato, con Boris Johnson, nel Political Declaration (la dichiarazione di intenti allegata all’accordo iniziale col Regno Unito, il Withdrawal agreement). Su questo argomento, ci sono state una serie di divergenze, senza progressi.

Per quanto riguarda la governance delle nostre relazioni future, le poche discussioni utili che abbiamo avuto si sono limitate a questioni settoriali. Non siamo stati in grado di compiere progressi sulla questione del quadro di governance unico che riteniamo necessario per costruire un partenariato stretto e globale con questo grande paese vicino e garantire così la sua attuazione in modo efficiente e trasparente.

La “mancanza di ambizione”
Siamo rimasti anche delusi dalla mancanza di ambizione del Regno Unito in una serie di settori che potrebbero non essere centrali nella negoziazione, ma che sono comunque importanti e simbolici. Sto pensando, ad esempio, alla lotta contro il riciclaggio di denaro.

Sto anche parlando della sua mancanza di ambizione per i rispettivi ruoli del Parlamento europeo, del Parlamento britannico e della società civile nell’attuazione delle nostre future relazioni. Perché il Regno Unito rifiuta di includere meccanismi di consultazione con i nostri parlamenti europei e britannici e con la società civile nel nostro futuro accordo?

Questo è ciò che abbiamo previsto nei nostri accordi di associazione per garantire la massima legittimità democratica e consentire a parlamentari, Organizzazioni non governative e  parti sociali di far sentire la loro voce. So che il Comitato economico e sociale europeo è molto attento a questo problema.

Infine, per quanto riguarda la cooperazione di polizia e giudiziaria in materia penale, anche se abbiamo un ampio consenso sugli obiettivi, continuiamo ad affrontare due ostacoli fondamentali che devono essere risolti prima di poter mettere in atto qualsiasi nuovo strumento di cooperazione.

Il Regno Unito rifiuta di impegnarsi a garantire in accordo con noi la protezione dei diritti fondamentali e delle libertà individuali derivanti dalla Convenzione europea sui diritti umani, come concordato nella Dichiarazione politica,

E insiste ad abbassare gli standard attuali e a deviare dai meccanismi concordati sulla protezione dei dati – al punto che sta persino chiedendo all’Unione di ignorare (nel senso di non applicare, ndr) la propria legge e la giurisprudenza della Corte di giustizia europea sui dati dei passeggeri (“norme PNR”). Questo è ovviamente impossibile.

Anche la questione della reciprocità degli scambi di dati tra gli inglesi e gli Stati membri è importante. Il Parlamento europeo lo ha ricordato, l’altro ieri, nella sessione plenaria, chiedendo che tutti gli scambi di dati biometrici – noti come programma Prüm – con il Regno Unito siano reciproci e soggetti a garanzie molto salde.

È stato un riassunto lucido, sincero – e, come forse avete ben capito, deludente – di questo round.

L’Unione europea non vuole un copia e incolla degli accordi del passato.
Rimaniamo determinati a costruire una nuova e ambiziosa partnership con il Regno Unito, nel brevissimo tempo disponibile se il Regno Unito dovesse confermare la sua decisione di non richiedere una proroga di questa trattativa (può farlo entro il 30 giugno, ndr),  visto che l’estensione di uno o due anni rimangono ancora possibili di comune accordo.

Per raggiungere questo obiettivo, vorrei tornare a tre punti importanti, che sono fondamentali per il mandato che gli Stati membri mi hanno assegnato e sui quali ho il pieno sostegno del Parlamento europeo e del suo presidente David Sassoli, nonché il sostegno personale del presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, e della presidente della Commissione Ursula von der Leyen.

In primo luogo, la nostra ambizione è ancora quella di raggiungere un accordo di libero scambio, senza tariffe o quote sui beni. Sarebbe la prima volta nella storia degli accordi di libero scambio dell’Unione europea. Naturalmente, le nostre relazioni commerciali non saranno mai così fluide come nel mercato unico o in un’unione doganale. Quindi tutti devono prepararsi per i cambiamenti che avverranno in ogni caso alla fine della transizione.

Ma la nostra proposta testimonia il nostro livello di ambizione – e questo, con un paese vicino che è altamente interconnesso con la nostra Unione; un ex membro con il quale sarebbe totalmente artificiale copiare e incollare un best of dai nostri accordi di libero scambio con Canada, Corea del Sud o Giappone. In questo negoziato, l’Unione guarda al futuro, non ai precedenti del passato.

In secondo luogo, guardare al futuro significa anche tenere conto dell’evoluzione della politica commerciale. Non siamo più negli anni ’70, quando lo scopo principale degli accordi commerciali era abbattere i muri tariffari. La politica commerciale dell’Ue deve e, sotto l’impulso della nostra presidente ma anche del Commissario all’Agricoltura Philip Hogan, mira a servire lo sviluppo sostenibile.

La nostra politica commerciale deve essere al servizio di una visione nuova, moderna ed esigente, visti i grandi cambiamenti in atto, e in particolare i cambiamenti climatici.

Deve proteggere gli standard sociali e ambientali e persino contribuire a innalzarli, nell’interesse generale di cittadini e consumatori. Deve essere sostenuto da condizioni di concorrenza eque, vale a dire quando si tratta di aiuti di Stato, norme sociali o fiscalità. Deve anche contribuire al raggiungimento di obiettivi comuni.

L’accordo tra l’UE e il Regno Unito deve portare a cambiamenti positivi quando si tratta di proteggere il nostro ambiente e combattere i cambiamenti climatici.

Il Regno Unito si è prefissato un obiettivo di neutralità del carbonio. Ci dice che vuole mantenere elevati standard sociali e ambientali – anche più alti dei nostri. Ciò dovrebbe consentire di avviare discussioni dettagliate su questi punti, di darci garanzie concrete, reciproche e di individuare strumenti adeguati. Tuttavia, il Regno Unito rifiuta questa discussione.

L’Ue vuole garanzie sulla concorrenza leale da parte del Regno Unito.
Ho persino sentito Michael Gove (ministro del governo Johnson) suggerire che il Regno Unito potrebbe rinunciare all’obiettivo di “tariffe zero, zero quote”, nella speranza di essere liberato da condizioni di parità. Questa proposta equivarrebbe a ripristinare tariffe e quote tra di noi – qualcosa che non si vede da decenni. L’Unione non vuole un tale anacronismo.

Inoltre, questo approccio comporterebbe una negoziazione dettagliata e altamente delicata di ciascuna linea tariffaria. Abbiamo visto di recente, con il Giappone e con il Canada, che ciò richiede anni. Tale negoziazione sarebbe possibile solo con la proroga del periodo di transizione.

È questo che dobbiamo capire dalla dichiarazione dell’onorevole Gove? Anche se dovessimo eliminare le tariffe del 98% o del 99%, l’UE richiederebbe comunque le stesse solide garanzie di parità. Perché è una parte fondamentale della nostra moderna politica commerciale; perché fa parte dei nostri requisiti affrontare le grandi sfide che ci attendono, proteggere determinati beni comuni e proteggere i consumatori; e perché ci rifiutiamo di scendere a compromessi sui nostri valori europei a beneficio dell’economia britannica. Il fair play economico e commerciale non è in vendita!

La concorrenza aperta e leale non è una cosa “bella da avere”. È un “must-have” (condizione necessaria, ndr).

I nostri Stati membri sono stati molto chiari sul fatto che, senza condizioni di parità e senza un accordo sulla pesca, non vi sarà alcun accordo di partenariato economico e commerciale. E, naturalmente, alcune aree della nostra relazione futura richiederanno condizioni di parità di condizioni specifiche.

Ad esempio, raggiungere un accordo sul trasporto su strada richiederà di concordare le condizioni di lavoro dei conducenti, compresi i tempi di guida e di riposo, nonché le garanzie relative alle imprese che le impiegano.

Una partnership ampia.
Vogliamo una partnership molto ampia che vada ben oltre il commercio di beni e servizi. Per raggiungere questo obiettivo, dobbiamo assolutamente trovare soluzioni congiunte ora, su tutti gli argomenti in parallelo, e insisto sul “parallelo”.

Perché dovremmo cercare di offrire condizioni di accesso al mercato favorevoli a determinati professionisti britannici quando i nostri pescatori europei sarebbero esclusi dalle acque britanniche e rischierebbero di perdere il loro sostentamento?

Perché dovremmo aiutare le imprese britanniche a fornire i loro servizi nell’UE senza garanzie di fair play economico?

E, al di là del nostro partenariato economico, perché dovremmo essere ambiziosi in materia di estradizione o scambio di dati personali se non avessimo fermi impegni da parte del Regno Unito in materia di protezione dei diritti fondamentali dei cittadini europei?

Infine, come potremmo garantire che il nostro futuro partenariato sia coerente su tutti questi importanti argomenti in assenza di un unico quadro istituzionale? Ne abbiamo bisogno per consentire al Regno Unito e all’Ue di attuare congiuntamente l’intera gamma dei nostri impegni.

Londra vuole avere i benefici del mercato unico senza gli obblighi.
Il Regno Unito fa spesso riferimento a precedenti. Ci dice che sarebbe contento di un accordo “in stile Canada”. Ma allo stesso tempo – e questo è il vero paradosso di questa negoziazione – in molte aree, richiede molto di più del Canada! Sta persino cercando di mantenere i vantaggi di essere uno Stato membro, senza gli obblighi.

Sto pensando, ad esempio, alle loro richieste: mantenere per i fornitori di servizi del Regno Unito la quasi completa libertà di movimento per soggiorni di breve durata; ottenere meccanismi di interconnessione elettrica equivalenti al mercato unico. Continuare ad assimilare i revisori britannici a quelli europei ai fini dei controlli sulle società di revisione, mantenere un sistema per il riconoscimento delle qualifiche professionali completo e ampio come quello che abbiamo nell’Unione europea; co-decidere con l’Unione in merito alle decisioni relative al ritiro delle equivalenze per i servizi finanziari – un’altra richiesta britannica che va ben oltre il “modello canadese”.

Stiamo negoziando un accordo commerciale con un paese terzo qui – uno che ha scelto di diventare un paese terzo. Questa non è un’opportunità per il Regno Unito di scegliere gli elementi più interessanti del mercato unico.

Ciò mi fa credere che nel Regno Unito vi sia ancora una reale mancanza di comprensione circa le conseguenze oggettive e talvolta meccaniche della scelta britannica di lasciare il mercato unico e l’unione doganale.

Per compiere progressi in questo negoziato – se è ancora intenzione del Regno Unito stipulare un accordo con l’Ue – il Regno Unito dovrà essere più realistico; dovrà superare questa incomprensione e, senza dubbio, dovrà cambiare strategia. Non puoi avere il meglio di entrambi i mondi!

I diritti dei cittadini europei nel Regno Unito.

Signore e signori, parallelamente a questi negoziati, sia il Regno Unito che l’Ue hanno un impegno giuridico ad attuare l’accordo di recesso. Qui, i diritti dei cittadini sono una priorità per entrambe le parti.

Il Regno Unito ci dice che ha alcune preoccupazioni riguardo al trattamento dei cittadini britannici nell’UE. Ieri abbiamo ricevuto una lettera da Michael Gove. La Commissione e il Parlamento europeo sono molto attenti a questo problema, abbiamo appena pubblicato linee guida per supportare tutti e 27 gli Stati membri a tener fede ai loro impegni dell’accordo di recesso. Ma osserveremo attentamente la questione per garantire che i cittadini dell’Ue residenti nel Regno Unito non subiscano trattamenti o discriminazioni sleali.

L’Irlanda del Nord.
Allo stesso modo, ci siamo entrambi impegnati ad attuare correttamente il protocollo su Irlanda e Irlanda del Nord. Il Regno Unito non ha ancora definito il suo approccio per l’adempimento degli obblighi previsti dal protocollo.

Vorrei ricordare che la soluzione concordata con il Regno Unito: assicura la pace e la stabilità continue sull’isola d’Irlanda e sostiene l’accordo del Venerdì Santo (Belfast) in tutte le sue dimensioni, preserva il mercato unico dell’UE garantendo tutti i controlli e i controlli necessari per le merci che entrano nell’Irlanda del Nord dalla Gran Bretagna,

Pertanto, anche tutti coloro che perseguono questi obiettivi devono ora attuare correttamente il protocollo. Il sistema deve essere pienamente operativo dal 1 ° gennaio 2021. Questa è una soluzione stabile e duratura, soggetta a un processo di garanzia del consenso democratico da parte della maggioranza dei rappresentanti eletti dell’Assemblea legislativa dell’Irlanda del Nord. Ho spiegato tutto questo in modo molto chiaro e molto trasparente durante la mia ultima visita a Belfast a gennaio.

Pertanto, insieme a Maroš Šefčovič, il nostro vicepresidente, che co-presiede il comitato misto con Michael Gove per il Regno Unito, stiamo aspettando, con fiducia, ma anche con vigilanza, l’approccio che verrà adottato dalle autorità britanniche.

Un accordo moderno, senza precedenti, lungimirante.
L’accordo che stiamo negoziando strutturerà la nostra relazione per gli anni a venire, anche per decenni. L’Ue vuole un accordo moderno, senza precedenti, lungimirante. Non uno stretto radicato nei precedenti precedenti e suddiviso settore per settore. La nostra futura partnership sarà modellata dalle scelte che facciamo quest’anno, insieme.

L’Ue non agirà in fretta su una questione così importante. Il nostro mandato di negoziazione non è stato scritto in fretta. È il riflesso di tre anni di lavoro, a partire dall’aprile 2017 con i primi orientamenti adottati dal Consiglio europeo.

Il prossimo round deve portare nuovo dinamismo al fine di evitare una situazione di stallo tra di noi. Facciamo un successo del quarto round, nella prima settimana di giugno – facendo finalmente i progressi tangibili di cui abbiamo bisogno su tutta la linea. Fino alla fine, l’Ue e io rimarremo calmi, fermi sui nostri principi e rispettosi.

Grazie mille.

Il negoziato tra Londra e Bruxelles rischia di bloccarsi sull’Irlanda del Nord, di nuovo

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta
Paper

Linkiesta Paper Estate 2020