Tregua estivaQuasi tutte le regioni europee sono riuscite a ridurre le morti in eccesso per covid

Lo European data journalism network ha analizzato i dati di 776 aree in 21 Paesi del Continente per capire meglio dove il virus continua a colpire duramente. Tra giugno e agosto solo nell’area di Legnicko-Głogowski in Polonia sono morte 81 persone in più del solito

Afp

I dati di 21 paesi europei mostrano che oltre 225.000 persone in più del solito sono morte dall’inizio della pandemia COVID-19 all’inizio di quest’anno. Analizzare le morti in eccesso in base al momento in cui si sono verificate permette di identificare le aree in cui l’epidemia continua a colpire duramente, dopo che la prima ondata ha reso aree come Bergamo in Italia e Madrid in Spagna i suoi primi epicentri.

In primavera (marzo-maggio 2020), le aree più colpite hanno contato migliaia di morti in eccesso e circa un terzo, o 255, di tutte le regioni che abbiamo analizzato ha registrato almeno il 25% di morti in più rispetto al solito. Durante i mesi estivi, tra giugno e agosto 2020, questo è stato il caso di una sola regione, Legnicko-Głogowski in Polonia, dove sono morte 81 persone in più del solito.

Livelli normali in quattro regioni su cinque
A questo punto della pandemia Covid-19, quasi tutte le regioni europee sono riuscite a ridurre le morti in eccesso. In effetti la stragrande maggioranza delle regioni che abbiamo analizzato, circa quattro su cinque, ha avuto morti a livelli più o meno normali durante i mesi estivi.

Tuttavia, i progressi sono stati più lenti in alcuni paesi rispetto ad altri. Anche la Svezia, un valore anomalo nella gestione della pandemia di coronavirus, si distingue nei nostri dati, poiché quasi la metà di tutte le regioni (43%) in Svezia ha avuto ancora più morti del solito durante l’estate. Questo è più alto di tutti gli altri paesi tranne due, Polonia (51%) e Cechia (50%), entrambi i quali hanno attualmente il maggior numero di nuovi casi giornalieri di quanti ne abbiano mai avuti.

Altri paesi in cui diverse regioni registravano ancora decessi eccessivi durante l’estate includono Lituania (40%), Lettonia (33%), Portogallo (32%) e Regno Unito (22%).

Il Regno Unito si è distinto nella nostra analisi di giugno sulle morti in eccesso, come paese con una diffusione piuttosto uniforme di morti in eccesso elevate in tutto il paese: nella maggior parte dei paesi la diffusione del coronavirus questa primavera è stata regionale, piuttosto che nazionale, e in gran parte contenuta a uno parte del paese. Nel Regno Unito, tuttavia, tutte le regioni tranne una hanno registrato almeno il 25% di morti in eccesso.

Stoccolma è tornata ai livelli normali
Per la Svezia, Stoccolma è stata il luogo in cui si è verificata la maggior parte dei decessi per coronavirus. In primavera, 4.745 persone in più del solito sono morte nel Paese scandinavo e quasi la metà di queste morti in eccesso si è verificata nella capitale. Con il 59% di decessi in più rispetto al solito, Stoccolma ha registrato un tasso di mortalità in eccesso superiore a tutte le 776 regioni che abbiamo esaminato tranne 68.

Tuttavia, da giugno Stoccolma non ha avuto più morti del solito. Le regioni della Svezia in cui la maggior parte dei decessi in eccesso si è verificata durante l’estate sono Uppsala (16% in più di decessi rispetto al solito), Halland (+15%) e Blekinge (+13%).

Vale la pena notare che tutte queste morti in eccesso non sono necessariamente correlate a Covid-19. Nelle piccole regioni le coincidenze possono aumentare il bilancio delle vittime. Ad esempio Gotland in Svezia ha registrato 31 decessi in più del solito (+15%), ma solo 6 decessi ufficialmente correlati al Covid-19 secondo l’Agenzia per la sanità pubblica svedese.

E la seconda ondata?
I casi stanno nuovamente aumentando in molti paesi europei, non ultimi Spagna, Francia, Belgio. In tutta l’Unione europea, i nuovi casi giornalieri sono più alti rispetto ad aprile. Allora perché questo fenomeno non è visibile nei nostri dati?

Il confronto dei dati sul coronavirus dei paesi è una faccenda complicata: il conteggio dei casi ufficiali dipende da quanti test vengono eseguiti e le morti per Covid-19 vengono conteggiate in modi molto diversi ed entrambi sono difficili da confrontare in modo affidabile in molti paesi.

Come indicatore del numero di vittime del Covid-19, le morti in eccesso evitano molte questioni legate alla comparabilità internazionale. Tuttavia, questa è anche la misura più lenta, con un ritardo di diverse settimane nella migliore delle ipotesi, motivo per cui copriamo solo i decessi avvenuti fino a luglio o all’inizio di agosto. Un picco che si verifica oggi in nuovi casi non si tradurrà in morti in eccesso per un certo numero di settimane.

Articolo originariamente dallo European data journalism network

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta