Un nuovo attentatoUn professore di storia è stato decapitato in Francia

La vittima aveva recentemente mostrato delle caricature di Maometto ai suoi studenti, e aveva denunciato alla polizia alcuni genitori, che lo avevano minacciato e avevano chiesto le sue dimissioni alla preside. Secondo una fonte della polizia l’assassino sarebbe nato in Russia nel 2002, e avrebbe rivendicato l’attentato su Twitter

ABDULMONAM EASSA / AFP

Un uomo è stato decapitato a Conflans (Yvelines), poco lontano da Parigi, e il suo presunto aggressore abbattuto dalla polizia, che avrebbe scoperto il corpo della vittima dopo aver fermato il terrorista. Le testimonianze riferiscono che la polizia sarebbe stata chiamata dai cittadini del posto, spaventati da un uomo che si aggirava a pochi metri da una scuola con un coltello in  mano; gli agenti, di fronte al rifiuto dell’aggressore di poggiare per terra l’arma, gli avrebbero sparato, uccidendolo.  

La vittima è un professore di storia alla scuola media di Bois-d’Aulne (dove è avvenuto il fatto) a Conflans Sainte-Honorine e, secondo una fonte della polizia riportata da Afp, poi confermata dalle dichiarazioni dei parenti degli studenti, aveva mostrato recentemente ai suoi studenti delle caricature di Maometto durante una lezione. Poco dopo aver mostrato le caricature il professore aveva denunciato alla polizia alcuni genitori, che lo avevano minacciato e avevano chiesto le sue dimissioni alla preside della scuola.

Non è ancora chiaro se l’assassino avesse legami diretti con la scuola media, una fonte della polizia ha riferito che era nato a Mosca nel 2002 e che avrebbe fatto parte di una banda islamista nella quale sarebbe presente anche un individuo «Fiché S», vale a dire schedato dalla polizia per questioni di sicurezza nazionale legate al terrorismo.

Secondo quanto riporta il Figaro, il terrorista avrebbe rivendicato l’attacco su Twitter: «Macron, capo degli infedeli, ho ucciso uno dei tuoi cani dell’inferno», avrebbe scritto.

La procura nazionale antiterrorismo ha immediatamente aperto un’inchiesta per «omicidio in relazione con un’impresa terroristica» e «associazione a delinquere di stampo terroristico». Sul luogo dell’attentato sono attesi a breve il presidente Emmanuel Macron e il ministro dell’Interno, Gérald Darmanin. 

Si tratta del trentatreesimo attentato in Francia dal 2017.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta