Pennellate d’autoreLa mostra con cui Veggetti Kanku racconta l’afrodiscendenza in Italia

Dopo aver esposto a Londra, Berlino, New York, Göteborg, l’ultima personale dell’artista riscuote un grande successo anche a Milano. Presto verrà replicata in altre città italiane: da Roma al Salento, Palermo e poi ancora al Nord

Pennellate acriliche bianche e nere da cui spuntano colori acidi. Ritratti di donne, solo donne afrodiscendenti, dallo sguardo forte o dolce. Luigi Christopher Veggetti Kanku, quarantenne, nato in Congo e poi adottato da una famiglia italiana, con i pennelli non racconta solo una storia: «L’arte è uno strumento sociale, può cambiare le cose. Non può stare in disparte». Dopo aver esposto a Londra, Berlino, New York, Göteborg, la sua ultima personale Sottopelle ha avuto grande successo e si avvia a percorrere la Penisola, da Roma al Salento, a Palermo e poi ancora al Nord.

Come è diventato artista?
«Sostanzialmente da autodidatta. Alle superiori studiavo grafica pubblicitaria. Poi nel 2001 ho partecipato a un laboratorio del maestro Vanni Saltarelli che mi ha incoraggiato ad andare avanti. Avevo iniziato a dipingere in quinta superiore. Forse perché non ero un gran chiacchierone, parlavo poco. Era il mio modo di comunicare. All’inizio facevo ritratti, li ho sempre prediletti. Volti drammatici e problematici».


Continua a leggere su Nuove Radici

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta

K - Linkiesta FictionÈ nata K, la rivista letteraria de Linkiesta curata da Nadia Terranova

È nata K – Linkiesta Fiction, una nuova rivista di letteratura curata da Nadia Terranova, finalista al Premio Strega 2019, e dal direttore de Linkiesta Christian Rocca. 

K – Linkiesta Fiction è un volume di 320 pagine disegnato dall’art director Giovanni Cavalleri e arricchito da fotografie di Stefania Zanetti, da un’illustrazione di Maria Corte e da un saggio introduttivo di Nadia Terranova. Il tema del primo numero di K è il sesso. 

K si può preordinare sul sito de Linkiesta a 20 euro più 5 di spese postali oppure acquistare nelle migliori librerie indipendenti di tutta Italia (ecco l’elenco in costante aggiornamento). 

Gli autori che hanno partecipato al primo numero con un racconto originale scritto appositamente per K sono:

Camilla Baresani, Jonathan Bazzi, Carolina Capria, Teresa Ciabatti, Benedetta Cibrario, Francesca d’Aloja, Mario Desiati, Annalisa De Simone, Viola Di Grado, Mario Fillioley, Dacia Maraini, Letizia Muratori, Valeria Parrella, Romana Petri, Lidia Ravera, Luca Ricci, Marco Rossari, Yari Selvetella, Elvira Seminara.

Ci sono anche due anteprime di romanzi di Don Winslow e di Maggie O’Farrell in uscita a breve in Italia.

Per acquistare più copie di K, scrivere qui.

20 a copia