Ridateci la colazione(Ri)faremo come da Tiffany

In tempo di lockdown non rimane che attendere, ma cappuccio e brioche non possono aspettare. Ecco allora dieci locali milanesi dove ordinarla e farla arrivare a casa, direttamente dalla pasticceria

Chi la ama allʼamericana con uova e bacon, chi la vuole continentale, come nei grandi hotel, chi non si sveglia se non ha spremuta-caffè-cornetto. Ammettiamolo, invidiamo Holly/Audrey Hepburn da Tiffany, che leggiadra in tubino nero faceva un grab-and-go ante litteram con il suo caffè nero d’asporto e quel croissant così parigino. Sogniamo di entrare al Central Perk alla maniera di Friends e chiedere (sic) un caffè annacquato, ci commuoviamo insieme ad Amélie Poulain nel suo meraviglioso mondo fra i pensieri d’amore e i caffè della brasserie di Pigalle. Certo, per farla letteraria, oggi, privati del contato umano “da bancone”, andrebbero bene anche le colazioni veloci con gelato alla vaniglia e torta di mele dellʼOn the Road di Kerouak. Ma tantʼè. La realtà dei fatti è che ci sentiamo tristi e sconsolati come fossimo dei novelli Oliver Twist con il cucchiaio in mano. Già perché la colazione, quella nostra, italiana e affollata, quella che vuol dire “mettere insieme”, ma anche “riunirsi”, “intrattenersi”, ci manca tantissimo. Torneremo a fare tutto, anche quello, anche a chiedere il caffè nero ancora sulla soglia del bar (che fa così “Milano”), ma per ora dobbiamo accontentarci di alzare il telefono o ordinare con un click: i bar che offrono un servizio di asporto o consegna a domicilio, in compenso, sono tantissimi. Ne abbiamo scelti dieci del capoluogo lombardo, perché la fragranza di una brioche e il cappuccio con il cuore di cacao ci portino ancora un po’ di normalità. Di cui vorremmo tutti “some more”.

La storica – Pasticceria Martesana 

In un tour ideale (o meglio virtuale) della colazione a Milano non può mancare la storica Pasticceria Martesana, che sotto la guida di Gabriele Santoro, sublima il breakfast in dolce e salato, ovviamente in delivery o con ritiro in sede con pratico kit colazione. Cosa scegliere? Ci sono le brioche lisce e quelle farcite con crema pasticcera o marmellate, per chi ama i grandi classici, ma anche quelle vegane con i mirtilli, ci sogno gli assaggi dei pasticcini e i mignon dolci, i biscotti senza glutine, i plumcake e le crostatine di albicocca senza glutine. Per chi ama il salato non possono mancare i soffici panini al latte o i tramezzini, il tutto accompagnato da tè, tisane, succhi di frutta o spremute.

La signorile – Pasticceria Buonarroti

Biscotti, brioche di ogni genere e misura, e, ça va sans dire, torte. C’è tutto alla Pasticceria Buonarroti. «La colazione alla Buonarroti è sempre stata un appuntamento di rito per i miei clienti», dice Giorgio Canelli, il proprietario, «non solo per la bontà dei nostri dolci ma proprio come primo step per iniziare la giornata, o per le mamme come punto d’incontro dopo aver accompagnato i figli a scuola. Siamo una pasticceria di quartiere che quest’anno festeggia i 100 anni, li porta bene, con dolcezza e con un’affezione particolare verso tutti coloro che iniziano la giornata con noi». Oggi bisogna attendere per poter tornare al banco, ma è possibile ordinare le prelibatezze preparate dallo chef Roberto Privitera comodamene dal sito o chiamando in pasticceria per un asporto su prenotazione o con il servizio delivery. Consigli utili? Mai farsi mancare il budino di riso, la crostata con la marmellata di albicocche, la esse di pasta frolla e guarnizione di cioccolato fondente o la monoporzione di Torta Sacher. Perché sia davvero un good start.

L’elegante – Pasticceria Marchesi 1824

Per portare in casa la bontà tradizionale del suo laboratorio, la Pasticceria Marchesi 1824 ha attivato la consegna a domicilio o il ritiro in loco in tutte e tre le sue sedi, in Galleria Vittorio Emanuele, in Via Montenapoleone o in Santa Maria alla Porta. Ci sono le classiche crostate di pasta frolla con confettura di albicocche o di lamponi, anche nella variante Linzer con frolla al profumo di spezie, le “soffici” come la Torta Paradiso o le rustiche come l’Avena, fino al morbidissimo Pan albicocca con la granella di zucchero. Tutte le proposte sono in versione regular o in monoporzione, senza dimenticare la pregiata pasticceria mignon con i bigné Chantilly, le tartellette di frutta e i frollini. Insomma l’imbarazzo della scelta.

La siciliana – Motta Milano 1928

A Milano come in Campania: approdano da Motta Milano 1929, il bar tutto italiano del Gruppo Autogrill, all’interno del Mercato del Duomo, le delizie del Maestro Salvatore De Riso, con le specialità della pasticceria Sal de Riso (primo punto vendita monomarca della pasticceria), oggi in servizio da asporto. Che c’è di meglio che iniziare la giornata con un dolce che profuma di costiera Amalfitana? Si parte con le monoporzioni fra cui la super nota Delizia al Limone Amalfitano, Oro Puro e il Babò al Rhum invecchiato, ma anche le torte come la Caprese, la Ricotta e Pere e la Panarea in prima linea, i dolci al bicchiere, i dolci da forno come il Dolce di Amalfi e i Panzuppati®, per finire come i biscotti. Da gustare comodamente a casa.

La relax – Les Pommes 

La colazione rilassata di Les Pommes da asporto o in delivery con Glovo per portare in un po’ dell’atmosfera fresca di questo locale fra le pareti domestiche. Si può scegliere fra l’English Breakfast con tanto di uova strapazzate, salsiccia, pomodoro gratinato, funghi e fagioli, oppure la classica colazione all’italiana con soffici brioche e cappuccio, o un good start all’insegna dell’healthy con frutta, cereali, yogurt, o pane, burro e marmellate. Per i più golosi ci sono i pancakes, nella versione Sweet, con frutti di bosco e panna, o Canadian con mirtilli e bacon e sciroppo d’acero, fino a una vasta scelta di tè e di torte (da provare, assolutamente, la cheesecake).

La moderna – Pica Milano

Basta andare sul sito, compilare il form e si viene immediatamente contattati, funziona così da Pica Milano, pasticceria di dolci futuristici nata dall’unione fra l’estro creativo del maître pâtissier Massimo Pica e dalla cosmopolita Grace Hypolite e del marito Ciro Papandrea. Le creazioni qui sono moderne con basi diverse dagli impasti tradizionali, con sapori e consistenze ardite e un design che somiglia a una scultura. L’ordine va fatto almeno tre giorni prima, e la consegna gratuita con ordine minimo di 30 euro. Cosa scegliere? Le brioches bicolore cioccolato arancia mandorla, le capresine all’olio extravergine di oliva e farina di mandorle, le S di pasta frolla, lo scoiattolo con mele e nocciole, il bauletto passion fruit. Un viaggio fra gusti e texture come da filosofia Pica, ma in versione at home.

La deliziosa – Gelsomina 

Gelsomina è una pasticceria artigianale, vicino a piazza della Repubblica, dove ordinare brioche calde, dolci e paste sempre freschissime. Cosa scegliere (on line, ovvio)? Sicuramente i mitici maritozzi, e poi i cannoli e le tartellette, i brownie, le buonissime brioche siciliane con tuppo nella variante vuota o con crema al pistacchio, ma anche proposte più internazionali come il danish con i frutti di bosco, il pan au chocolat o la nostrana sfogliatina ricotta e fichi freschi, la girella integrale con miele e noci. Non mancano ovviamente i mini cannoli e le mini tartellette, il plumcake vegano al cioccolato e arancia, il tutto da accompagnare con succhi di frutta bio e freschissime spremute di arancia e pompelmo, centrifugati e frullati

La virtuosa – Pasticceria Cova 

Il sogno è fare colazione nel bellissimo déhor disegnato dal Piermarini. ma nell’attesa la Pasticceria Cova offre on line tutte le sue proposte dolci e salate per la colazione. C’è il maritozzo, richiestissima new entry  nella sua versione classica (crema pasticcera e panna), o nella versione al pistacchio, alla Covella o allo zabaione, ci sono le torte del giorno, i frollini i croissant o i mignon sono sempre disponibili, così come la fetta di panettone, che qui si mangia tutto l’anno. Ordine minimo 18 euro, da lunedì al venerdì con il servizio #CovaatHome o, a scelta, con il delivery Cosaporto. Per chi è nei paraggi, il ritiro può essere fatto direttamente in pasticceria.

La democratica – Égalité

La boulangerie francese di via Melzo, Égalité, garantisce 7 giorni su sette il servizio da asporto di pane e prodotti da forno. Quindi, tutto è possibile se lo si ritira in loco: croissant, soffici pain au chocolat, madeleine, tartellette, tropézien, éclair . Davvero di tutto. Gli amanti dell’arte bianca non saranno delusi, da Égalité possono acquistare diverse tipologie di pane (sono ben 6), che qui è sempre freschissimo, oltre a 5 varianti di baguette da abbinare ovviamente alle marmellate normanne in vendita. Il pane di Égalité può essere acquistato anche sulla piattaforma delivery di cibi naturali Smart Food Bio.

Il candido – Biancolatte 

Da pane, burro e marmellata, fino ai muffin al cioccolato per passare ai muffin della casa ai (deliziosi) Frutti di Bosco: da Biancolatte in via Turati c’è davvero l’imbarazzo della scelta. Per le colazioni in famiglia si può optare per la scatola di biscotti Biancolatte, quelli super classici al burro, o nella variante con gocce di cioccolato, o alla marmellata, fino alle torte intere. Per chi cerca qualcosa fuori dai soliti percorsi ci sono le proposte a base uova, dai pancakes alle scramble eggs fino alle omelette fino alle crêpes dolci. Per chi vuole mantenersi in forma, invece, ci sono anche le bowl di yogurt e frutta fresca da abbinare alle centrifughe detox o ai succhi. Il tutto in una box super chic.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta

K - Linkiesta FictionÈ nata K, la rivista letteraria de Linkiesta curata da Nadia Terranova

È nata K – Linkiesta Fiction, una nuova rivista di letteratura curata da Nadia Terranova, finalista al Premio Strega 2019, e dal direttore de Linkiesta Christian Rocca. 

K – Linkiesta Fiction è un volume di 320 pagine disegnato dall’art director Giovanni Cavalleri e arricchito da fotografie di Stefania Zanetti, da un’illustrazione di Maria Corte e da un saggio introduttivo di Nadia Terranova. Il tema del primo numero di K è il sesso. 

K si può preordinare sul sito de Linkiesta a 20 euro più 5 di spese postali oppure acquistare nelle migliori librerie indipendenti di tutta Italia (ecco l’elenco in costante aggiornamento). 

Gli autori che hanno partecipato al primo numero con un racconto originale scritto appositamente per K sono:

Camilla Baresani, Jonathan Bazzi, Carolina Capria, Teresa Ciabatti, Benedetta Cibrario, Francesca d’Aloja, Mario Desiati, Annalisa De Simone, Viola Di Grado, Mario Fillioley, Dacia Maraini, Letizia Muratori, Valeria Parrella, Romana Petri, Lidia Ravera, Luca Ricci, Marco Rossari, Yari Selvetella, Elvira Seminara.

Ci sono anche due anteprime di romanzi di Don Winslow e di Maggie O’Farrell in uscita a breve in Italia.

Per acquistare più copie di K, scrivere qui.

20 a copia